• Articolo , 27 gennaio 2011
  • Siemens e Suntech: raggiunto accordo quadro per la fornitura di pannelli fotovoltaici

  • Siemens Energy ha firmato un accordo quadro con Suntech Power Holdings, il più grande produttore al mondo di prodotti fotovoltaici (FV). I moduli fotovoltaici verranno forniti nell’ambito del presente accordo per lo sviluppo di diversi progetti in tutta Europa. “Siemens offre soluzioni EPC di impianti fotovoltaici”, ha detto Martin Schulz, Vice Presidente di Siemens Divisione […]

Siemens Energy ha firmato un accordo quadro con Suntech Power Holdings, il più grande produttore al mondo di prodotti fotovoltaici (FV). I moduli fotovoltaici verranno forniti nell’ambito del presente accordo per lo sviluppo di diversi progetti in tutta Europa.

“Siemens offre soluzioni EPC di impianti fotovoltaici”, ha detto Martin Schulz, Vice Presidente di Siemens Divisione Energie Rinnovabili. “Con Suntech abbiamo trovato un partner affidabile per fornire affidaili impianti fotovoltaici ai nostri clienti.” Negli ultimi sette mesi Siemens ha ottenuto ordini per impianti fotovoltaici per una capacità combinata di oltre 80 MW in sei paesi diversi. Come EPC contractor, la società si occupa della realizzazione di impianti ad energia solare chiavi in mano, compreso componenti in-house quali inverter o trasformatori e pannelli indipendenti

Jerry Stokes, Presidente di Suntech Europa, ha dichiarato: “Siamo entusiasti di stabilire una cooperazione strategica con un partner forte come la Siemens. Abbiamo già avviato l’esecuzione del contratto per i progetti sviluppati in tutta Europa, la presenza di Siemens a livello mondiale, facilita lo sviluppo dei progetti comuni in tutto il mondo “.

Gli impianti fotovoltaici sono parte del Portafoglio ambientale di Siemens. Nell’anno fiscale 2010, le entrate provenienti dalla portafoglio ammontano a circa 28 miliardi di euro, facendo di Siemens il maggior fornitore mondiale di tecnologie eco-compatibili. Nello stesso periodo, i nostri prodotti e le soluzioni permesso ai clienti di ridurre le loro emissioni di biossido di carbonio (CO2) di oltre 270 milioni di tonnellate, un importo pari al totale delle emissioni annue di CO2 delle megalopoli di Hong Kong, Londra, New York, Tokyo, Delhi e Singapore .