• Articolo , 14 giugno 2010
  • Siemens, RWE Innogy e Stadtwerke München insieme per la centrale “Vento nel Mare”

  • RWE Innogy, Stadtwerke München (SWM – Munich Municipal Utility) e Siemens hanno siglato una joint venture per la realizzazione della centrale eolica Gwynt y Môr – “vento nel mare” in gallese. RWE Innogy deterrà il 60% delle quote della joint venture, Stadtwerke München il 30% e Siemens il 10%. L’investimento totale sarà di oltre due […]

RWE Innogy, Stadtwerke München (SWM – Munich Municipal Utility) e Siemens hanno siglato una joint venture per la realizzazione della centrale eolica Gwynt y Môr – “vento nel mare” in gallese. RWE Innogy deterrà il 60% delle quote della joint venture, Stadtwerke München il 30% e Siemens il 10%. L’investimento totale sarà di oltre due miliardi di euro comprensivo delle connessioni alla rete elettrica sulla costa. L’investimento verrà conseguentemente diviso tra i partner. Gwynt y Môr verrà realizzata con una potenza installata di 576 megawatt nella baia di Liverpool, a circa 18 chilometri dalla costa del Galles del Nord. L’inizio dei lavori è previsto alla fine del 2011 con la realizzazione delle prime fondamenta per un totale di 160 turbine eoliche. Il progetto ha già ottenuto tutte le autorizzazioni e coprirà un’area di 79 chilometri quadrati. Siemens avrà in carico la fornitura, installazione e manutenzione delle turbine eoliche e fornirà la rete elettrica.

In questa prima fase si prevede che la centrale eolica generi energia elettrica nel 2013 e che il progetto venga completato nel 2014. Da allora in poi si prevede la generazione di circa 1.950 gigawatt all’ora di elettricità annue, quantità sufficiente per fornire energia a circa 400.000 abitazioni in Inghilterra . La centrale verrà realizzata in una posizione molto favorevole: la baia di Liverpool nel Nord del Galles è infatti caratterizzata da venti molti forti e da acque relativamente basse.

Siemens fornirà le turbine eoliche e avrà la responsabilità della connessione alla rete elettrica e della manutenzione della centrale eolica.
Per questo progetto Siemens Energy si aggiudicherà il contratto non solo per la fornitura, realizzazione e manutenzione delle turbine, ma anche per la connessione elettrica della centrale eolica Gwynt y Môr alla terra ferma. Il valore del contratto per Siemens è circa di 1,2 miliardi di Euro. “Le centrali eoliche rappresentano un mercato con alto potenziale di crescita. Siemens è da tempo fortemente impegnata in questo settore e può quindi contare su molti anni di esperienza. Siamo lieti che le nostre centrali eoliche siano utilizzate anche in questo importante progetto. La nostra collaborazione con RWE nella realizzazione di tre centrali eoliche offshore in Gran Bretagna è un chiaro segnale che entrambe le aziende stanno proseguendo il proprio impegno nello sviluppo di progetti in questo specifico ambito”, ha dichiarato Wolfgang Dehen, CEO del Settore Energy di Siemens e membro dell’Executive Board di Siemens AG.

Siemens fornirà e realizzerà 160 turbine eoliche con una capacità ciascuna di 3,6 megawatt per il progetto Gwynt y Môr. Siemens avrà inoltre in carico la connessione delle turbine eoliche alla rete elettrica, che comporta la fornitura di due piattaforme chiavi in mano per trasformatori offshore. Grazie all’utilizzo di cavi marini ad alto voltaggio, l’energia sarà trasmessa alla città di St. Asaph del Galles per essere poi da qui distribuita sulla terra ferma.
Siemens avrà inoltre in carico la manutenzione della centrale eolica per un periodo di cinque anni con l’opzione di un’estensione per altri sette anni.

Per la costruzione di Gwynt y Môr, RWE Innogy ha previsto un’ulteriore costruzione navale offshore da parte del cantiere coreano Daewoo. La prima di queste costruzioni navali offshore, attualmente la più grande al mondo, è stata commissionata dall’azienda alla fine dello scorso anno per la costruzione del parco eolico offshore tedesco Nordsee Ost. Il valore dell’ordine per ciascuna nave si aggira intorno ai 100 milioni di euro. La prossima costruzione navale è prevista per la fine del 2011. Le fondamenta e le turbine eoliche saranno preassemblate in loco e solo allora trasportate in mare.

Scheda tecnica del parco eolico Gwynt y Môr

• Investimento totale: oltre 2 miliardi di euro
• 160 turbine eoliche Siemens SWT-3.6-107
o ciascuna con capacità pari a 3,6 megawatt
o rotore regolabile a tre pale con diametro di 107 m
o lunghezza pale: 52 m
o peso rotore: 95 t; peso navicella: 125 t
• capacità di generazione totale: 576 megawatt, l’equivalente della metà della capacità produttiva di un impianto nucleare
• potenza annuale di output: 1.950 gigawatt-ore, sufficienti per soddisfare il fabbisogno di 400.000 abitazioni
• area di superficie: 79 metri quadrati
• profondità dell’acqua da 15 m a 30 m con 9 m di variazione delle maree
• riduzione annuale in CO2: 1,7 t, l’equivalente delle emissioni in CO2 di 500.000 macchine che percorrono 20.000 km all’anno (con 170 g CO2/km)
• due piattaforme di sottostazione offshore Siemens
o ciascuna dotata di due trasfomatori con un rating di 160 MVA
o livello di tensione migliorato da 33 kilovolt (kV) a una trasmissione di tensione di 132 kV
• trasmissione della fornitura elettrica in direzione St. Asaph attraverso un cavo sottomarino ad alto voltaggio
o 20 km offshore
o 13 km offshore
• sottostazione OFTO (Offshore Transmission Owner) di Siemens a St. Asaph
o due sistemi SVC-Plus di Siemens per stabilizzare la rete (+/- 50 MVAr)
o dotata di tre trasformatori da 32/400kV ciascuno con una potenza di 320 MVA
o apparecchiatura di commutazione per alte tensioni a isolamento gassoso (11 baie)