• Articolo , 26 giugno 2008
  • “Single European Sky” primo passo per volare pulito

  • L’International Air Transport Association (Iata) si congratula con la Commissione Europea per l’adozione del secondo pacchetto legislativo per un “Single European Sky”

“Con il petrolio a 135 dollari e il carburante sempre più alto – ha spiegato il direttore generale ed amministratore delegato della Iata, Giovanni Bisignani – risparmiare sul fuel è difficile per la sopravvivenza finanziaria. Questo è anche il nostro impegno per migliorare le prestazioni in difesa dell’ambiente. L’adozione di ieri del secondo pacchetto del Ses è la risposta di benvenuto al richiamo fatto dalla Iata ai governi per agire rapidamente ed eliminare le inefficienze nella gestione del traffico aereo. Ed infatti ‘International Air Transport Association’ (Iata) si è congratulata con la Commissione Europea per l’adozione del secondo pacchetto legislativo per un ‘Single European Sky’ (Ses).
“Solo con il sostegno dei governi nazionali, il parlamento ed il consiglio europei saranno in grado di proseguire sulla giusta azione – ha infine aggiunto il direttore generale – Io suggerisco che i governi nazionali dell’Europa mettano da parte le politiche locali e si concentrino su cosa sia meglio per il continente europeo e per l’ambiente. Un Single European Sky ha l’obiettivo ambizioso di migliorare del 10% le emissioni di carbonio e di risparmiare carburante. Dopo decenni di discussioni – ha concluso Bisignani -adesso è il tempo per il successo”.