• Articolo , 6 aprile 2010
  • Smart energy, eco-incentivi a progetti pilota

  • Dalla Autorità per l’Energia un provvedimento per definire procedura e criteri di selezione di alcuni progetti sperimentali nell’ambito delle infrastrutture intelligenti

(Rinnovabili.it) – Europa e Usa si preparano a dare il via ad una rivoluzione nel sistema di distribuzione dell’energia elettrica all’insegna della modernizzazione e di una maggiore efficienza; in linea con l’orientamento internazionale anche il Belpaese si sta muovendo in direzione di un’infrastruttura intelligente, capace di favorire la diffusione della produzione da fonti rinnovabili e l’uso efficiente delle risorse facendo interagire efficacemente produttori e consumatori.
Per incentivare lo sviluppo delle cosiddette smat grids, l’Autorità per l’Energia ha rilasciato la delibera “Arg/elt 39/10”:http://www.autorita.energia.it/allegati/docs/10/039-10arg.pdf a sostegno di alcuni progetti pilota soprattutto in riferimento all’installazione di sistemi di misurazione intelligenti. Il provvedimento permetterà di selezionare e supportare, attraverso una specifica remunerazione tariffaria, progetti sperimentali quali: nuovi sistemi di controllo della qualità del servizio; il comportamento delle reti in presenza di un numero elevato di piccoli impianti di produzione e un quantitativo di energia prodotta superiore al fabbisogno; sistemi avanzati di comunicazione bidirezionale con gli utenti della medesima rete, per instaurare con essi un canale di comunicazione proattivo; inserimento di sistemi di accumulo per la regolarizzazione dei flussi energetici.
“Il provvedimento si inserisce in un ampio quadro regolatorio per promuovere lo sviluppo infrastrutturale delle reti di trasmissione e distribuzione dell’energia elettrica, a vantaggio dei consumatori e dell’ambiente” ha spiegato il Presidente dell’Autorità, Alessandro Ortis, che ribadisce come da tempo tali temi siano fra le proprie priorità di azione. “La diffusione e sviluppo delle smart grids e di contatori intelligenti (smart metering), sono temi al centro del dibattito in tutta Europa, anche alla luce della recente Direttiva 2009/72/CE sul mercato interno dell’energia elettrica. In questa fase di grande innovazione – ha aggiunto-, le Autorità di regolazione possono svolgere un ruolo rilevante, affinché sia possibile cogliere le opportunità di sviluppo e innovazione, promuovendo correttamente vari investimenti necessari”.