• Articolo , 16 luglio 2008
  • Solare termico: detrazione 55% se produce solo acqua calda!

  • La detrazione prevista per gli interventi di riqualificazione energetica non si applica nel caso di un particolare impianto che permette di generare acqua fredda per la climatizzazione estiva a partire dall’acqua calda prodotta da pannelli solari

L’articolo 1 (commi 344, 345, 346 e 347) della legge 27 dicembre 2006, n. 296, ha introdotto una detrazione pari al 55 % delle spese sostenute nel 2007, ed effettivamente rimaste a carico del contribuente, per gli interventi di riqualificazione energetica degli edifici esistenti. Prorogata successivamente al 31 dicembre 2010 ed estesa anche alle spese sostenute per la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale con pompe di calore ad alta efficienza e impianti geotermici a bassa entalpia, ha tuttavia un piccolo neo. La detrazione, infatti, non può essere applicata all’intero costo di realizzazione di un impianto solare termico che oltre al riscaldamento invernale provveda anche al raffrescamento estivo. Questa è la risposta fornita dall’Agenzia delle Entrate, con la “Risoluzione n. 299”:http://www.agenziaentrate.it/ilwwcm/resources/file/eb0e66022215406/ris%20%20299e%20del%2014%2007%202008.pdf , in risposta ad un contribuente che intende installare un impianto di solar cooling composto da pannelli solari, torre evaporativa, gruppo ad assorbimento a bromuro di litio, caldaia per l’integrazione e chiller per l’integrazione. Il motivo è da ricercare nella mancanza dello specifico decreto attuativo che preveda la fattispecie. Secondo la nota che accompagna la risoluzione da parte dell’Agenzia delle Entrate: “Il comma 20, inoltre, prevede l’applicabilità della detrazione per la sostituzione intera o parziale di impianti di climatizzazione non a condensazione, sostenute entro il 31 dicembre 2009. Il successivo comma 21, però, ne condiziona l’utilizzo all’emanazione di uno specifico decreto attuativo che non è stato ancora adottato”.