• Articolo , 8 maggio 2009
  • Solarexpo: il successo del secondo giorno e non solo di pubblico

  • Un altro resoconto di alcune tra le numerose proposte della seconda giornata di Solarexpo, tra convegni e novità tecnologiche

Nella giornata di ieri, secondo i dati dell’organizzazione, sono stati registrati circa 17.600 visitatori con un incremento del +26% rispetto all’inaugurazione dello scorso anno. L’attenzione per i convegni è stata anch’essa molto alta come hanno dimostrato gli oltre 2.100 partecipanti ai sedici incontri che si sono tenuti tra la mattina e il pomeriggio. Oggi, secondo giorno della manifestazione, si è potuto registrare, anche da parte dell’osservatore meno attento, un incremento delle presenze fin dalle prime ore della mattinata, con un picco che si è attestato forse all’ora di pranzo.

*Gli incontri* – Il calendario odierno di Solarexpo ha proposto un calendario convegnistico estremamente intenso ed interessante. Per citarne solo alcuni, alle 10 nella sala Salieri si è parlato de “Il Fotovoltaico e l’Applicazione del Conto Energia.” toccando l’argomento del regime Fiscale del fotovoltaico. ll “raffrescamento solare: dalle applicazioni pilota al mercato” è stato invece il tema del convegno che si è tenuto in sala Puccini dalle 9.30 alle 11.30. Nel seminario internazionale “Biogas e biometano: il ruolo degli imprenditori agricoli, modelli di sviluppo, tecnologie” sì è illustrato il panorama normativo italiano, con il nuovo regime incentivante e con le esperienze del biometano in Germania. Gli interventi di Sergio Piccinini e di Lorella Rossi, entrambi del Centro Ricerche Produzioni animali (CRPA), hanno fornito un quadro della situazione piuttosto esaustivo mostrando le enormi potenzialità di questo settore. Piccinini, ad esempio, ha posto l’accento sul fatto che il numero di auto a metano presenti in Italia sono superiori agli altri paesi della Ue, con circa 400.000 unità circolanti, questo ci pone in una condizione molto favorevole per la produzione di biometano per autotrazione. Le potenzialità del biometano potrebbero portarci a produrre circa 25 Twh di EE corrispondenti a circa 8 miliardi di metri cubi all’anno di CH4. Le aziende che volessero impegnarsi in questo settore dovrebbero, secondo Piccinini creare impianti inter-aziendali per raggiungere una realtà molto più ambiziosi.

*Domani* – Anche per la giornata conclusiva, gli eventi sono moltissimi, tra gli altri segnaliamo “Micro e Mini Eolico” che si terrà alle 9 nella sala Corelli ed “Efficienza energetica degli edifici: il regime delle detrazioni del 55% alla luce delle più recenti novità normative”, alla stessa ora ma nella sala Vivaldi. Alle 10 nella sala Da Palestrina è prevista una video-intervista a Jeremy Rifkin realizzata da Antonio Cianciullo, inviato de La Repubblica. L’intervista è inserita all’interno del Workshop promosso da “Cremonesi Consulenze” insieme ad “Adiconsum” e “WWF Italia”. Il workshop è dedicato al tema della riduzione dell’impatto ambientale degli edifici ed al risparmio energetico ed economico, dal titolo “Costruire sostenibilità. L’eco-efficienza nell’edilizia residenziale”.

*L’esposizione* – Passiamo ora alle novità incontrate tra i molti stand visitati oggi. Quella che forse colpisce di più la fantasia di chi si rivolge alla sostenibilità è la “Tesla Roadster”. Si tratta di un’auto dalle prestazioni eccezionali, con un’accelerazione che la porta da 0 a 100 km/h in soli 3,9 secondi con 400 km di autonomia e con un tempo di ricarica di tre ore e mezza. Avremo modo di parlarne nell’articolo conclusivo della fiera ma vi anticipiamo che è tanto interessante quanto aggressiva ne suo design.
Interessante anche l’Inseguitore solare “Ali di Gabbiano” presentato dalla “Convert Italia”. Questo inseguitore consente un aumento del 45% di produzione elettrica rispetto ai sistemi tradizionali, grazie ad un sistema fotovoltaico a concentrazione. Il prototipo è presentato in anteprima mondiale e consiste in un inseguitore monoasse che è l’evoluzione del precedente inseguitore MX1. Il brevetto (tutto italiano) dell’MXAG abbina l’inseguitore a due specchi per concentrare la radiazione solare sulle celle fotovoltaiche, ed è l’unica tecnologia a concentrazione che può accedere alle agevolazioni previste dal Conto Energia. Altra novità è il sistema di gestione e controllo per impianti fotovoltaici della “Carlo Gavazzi automation Components”, che si rivolge ad impianti di potenza superiore ai 20 KWp e, oltre a fornire un controllo della produzione e un allarme in caso di guasti, gestisce anche un controllo antifurto. Sempre della stessa azienda abbiamo ammirato un’altra novità, la turbina eolica WT3 che ha una nuova concezione del sistema ad asse verticale. La turbina unisce una ottima silenziosità ad alte prestazioni, in caso di vento che vada oltre i 12 metri al secondo, la turbina sposta il proprio asse rispetto a quello del vento e si posiziona automaticamente in una posizione più sicura. Anche di questa novità daremo maggiori informazioni nell’articolo di chiusura dell’evento. Per ora ci fermiamo qui e vi diamo appuntamento in fiera o su questo sito per ulteriori novità.

“Solarexpo il secondo giorno”:http://www.rinnovabili.it/solarexpo-successo-non-solo-di-pubblico-530339

“Solarexpo, il primo giorno”:http://www.rinnovabili.it/solarexpo-e-greenbuilding-e-stato-il-giorno-dellinaugurazione-530332

“Solarexpo, la presentazione”:http://www.rinnovabili.it/solarexpo-cresce-e-tocca-quota-dieci-530309