• Articolo , 23 marzo 2009
  • Specchio delle mie brame qual è la casa più calda del reame?

  • Specchi nel giardino per riscaldare il salotto: così una compagnia statunitense ha immaginato e realizzato il riscaldamento domestico

Eliostati domestici? Li sta per introdurre sul mercato la statunitense Practical Solar nel tentativo di produrre un’alternativa conveniente ai tradizionali sistemi di riscaldamento nelle abitazioni. I dispositivi non sono certo una novità nell’ambito della tecnologia solare dove svolgono la funzione di inseguitori solari durante l’arco del giorno per orientarne la luce verso un punto preciso, grazie all’aiuto di specchi. Ma l’idea della società Bostoniana è stata quella di applicarli direttamente per le esigenze domestiche, dall’illuminazione naturale alle applicazioni termiche dirette, riducendone i costi attraverso la semplificazione del loro utilizzo.
La facilità di installazione, solo attraverso lavoro manuale, e la molteplicità dei suoi usi sono secondo Practical Solar i punti forti del sistema; gli specchi in questione possono, infatti, essere semplicemente diretti verso le finestre o i lucernai per aumentare il grado di illuminazione interna sfruttando il riflesso dei raggi solari o, in alternativa, essere orientati direttamente verso le zone da riscaldare. Niente collettori centrali dunque, anche se la società ha già rivelato di star lavorando su un ricevitore CSP che incameri in un serbatoio sotterraneo il calore accumulato, in maniera da adattarlo alle applicazioni che richiedono energia termica a basso grado (<232 °C). Il software, inoltre, è in grado autonomamente di controllare fino a 200 eliostati contemporaneamente, ciascuno con il proprio obiettivo e ciascuno con un proprio tempo di azione.