• Articolo , 11 dicembre 2009
  • Spinner, 25 voucher per esperti in “Green Economy”

  • Ottomila euro per diventare esperti in Green Economy e saper così mettere in rete formazione universitaria, imprese e istituzioni operanti in settori quali ambiente e sviluppo urbanistico, trasporti, energia e gestione dei rifiuti. A tanto ammonta ognuna delle 25 borse di studio che Spinner 2013 mette a disposizione per partecipare gratuitamente al master di secondo […]

Ottomila euro per diventare esperti in Green Economy e saper così mettere in rete formazione universitaria, imprese e istituzioni operanti in settori quali ambiente e sviluppo urbanistico, trasporti, energia e gestione dei rifiuti. A tanto ammonta ognuna delle 25 borse di studio che Spinner 2013 mette a disposizione per partecipare gratuitamente al master di secondo livello “Cultura dell’innovazione, mercati e creazione d’impresa – Istituzioni e Imprese per la Green Economy”, organizzato dall’Università di Bologna in collaborazione con gli Atenei di Ferrara, Modena e Reggio Emilia e Parma. Un percorso di 1.500 ore per acquisire una professionalità che sarà sempre più richiesta sul mercato del lavoro.

“La Green Economy – spiega Paolo Bonaretti, presidente del consorzio che gestisce il programma regionale Spinner 2013 – rappresenta oggi un’opportunità per cambiare i processi produttivi, ampliare il mercato del lavoro, ridisegnare l’intera politica industriale, trasformare i comportamenti dei cittadini, riorientare la ricerca scientifica. Una presenza forte in questo campo è fondamentale per una regione che vuole agganciare nel più breve tempo possibile la ripresa”.

Il Rapporto Green Jobs delle Nazioni Unite stima, infatti, in 12 milioni nel mondo – di cui 300mila in Italia – i lavoratori che entro il 2030 troveranno spazio nel business verde, dall’edilizia al riciclo dei rifiuti alle vetture eco-compatibili. Un ambito che rappresenta, in prospettiva, uno dei più ampi bacini di nuove professionalità e posti di lavoro e, per le imprese, una frontiera innovativa da presidiare.

Il Master, a numero chiuso – al massimo 30 partecipanti – è articolato in due fasi: la prima affronta i problemi dell’innovazione in generale (dalla sua genesi all’impatto che ha sull’organizzazione, dalla brevettazione alla finanza dell’innovazione) e propedeutico rispetto al tema del cambiamento legato alla Green Economy; la seconda è focalizzata direttamente sui problemi specifici della gestione del cambiamento nell’ambito della Green Economy.

La parte propedeutica si articola in quattro moduli:
– Economia e gestione dell’innovazione: dalla ricerca al mercato
– Cambiamento tecnologico, organizzativo e gestione della conoscenza
– Gestione risorse umane e innovazione
– Finanza dell’innovazione

La parte sulla Green Economy affronterà invece i seguenti contenuti:
– La sostenibilità ambientale come fattore di spinta all’innovazione tecnologica e organizzativa
– Gli attori e processi dell’innovazione nella Green Economy
– La Green Economy in specifici settori produttivi
– La Green Economy nello sviluppo urbano

A completare il ciclo, uno stage di 500 ore da svolgersi presso imprese, istituzioni e centri per l’innovazione.

La quota d’iscrizione è di ottomila euro da versare in due rate e la scadenza per la presentazione delle domande di ammissione è il 30 dicembre 2009. Per ottenere una delle 25 borse di studio messe a disposizione da Spinner 2013 è possibile fare domanda entro le ore 13 del 13 gennaio 2010. Per ulteriori informazioni è possibile consultare il sito www.spinner.it o rivolgersi allo Spinner Point presente nella propria provincia.