• Articolo , 19 maggio 2009
  • “Stair”, la nuova cella ad aria per batterie rivoluzionarie

  • Le nuove batterie per automobili dovrebbero durare 10 volte di più rispetto alle tradizionali, e potrebbero essere utilizzate per alimentare anche telefoni cellulari e notebook.

(Rinnovabili.it) – All’Università di St. Andrews, Regno Unito, si stanno studiando delle batterie per automobili alimentate ad aria, che dovrebbero durare 10 volte di più rispetto alle tradizionali e potrebbero essere utilizzate per alimentare anche telefoni cellulari e notebook.
Il progetto, finanziato dall’agenzia britannica “Engineering and Physical Sciences Research Council” (EPSRCI), è iniziato da quattro anni e dovrebbe concludersi nell’estate del 2011.
La tecnologia alla base della nuova batteria consiste in una cella ad aria denominata Stair, da St. Andrews Airin, cui il catodo è realizzato in carbone poroso, materiale che rimpiazza il più comune ossido di litio e cobalto LiCoO2. Il cobalto, costoso e difficile da maneggiare, rappresenta ancora un punto critico per la produzione di massa di tali batterie.
Al contrario, spiegano gli scienziati, il carbone poroso si comporta come una sorta di “ladro” catturando l’ossigeno dall’aria; grazie alla loro interazione si crea un ciclo di carica e di scaricamento delle batterie, che può ripetersi infinite volte. Proprio per questo è considerato un ottimo investimento nel campo delle energie rinnovabili, anche se le prime applicazioni non sono previste prima di cinque anni.