• Articolo , 25 settembre 2009
  • Stavros Dimas: Bangkok, penultima occasione

  • Ancora una volta tutti a discutere, questa volta da lunedì a Bangkok, ma in questa sede, ammonisce Dimas, serviranno risultati concreti altrimenti Copenhagen sarà un fallimento.

(Rinnovabili.it) – Il commissario Ue dell’Ambiente si spende ancora in appello ai partecipanti del summit Unfccc che aprirà i battenti a Bangkok e che segnerà il penultimo incontro prima della Conferenza di Copenhagen (seguirà Barcellona dal 2 al 6 novembre), visto che la richiesta di Nicolas Sarkozy di tenere un summit straordinario del G20 a New York a novembre, sembra sia caduta nel vuoto.
“Ora occorre fare passi in avanti decisivi per adottare un accordo globale ambizioso”. Il commissario Dimas ha stabilito un percorso preciso per l’accordo globale, indispensabile per evitare che i cambiamenti climatici raggiungano livelli pericolosi.
Oggi, dopo due anni di parole, è il momento che tutti decidano: impegni definitivi in vista delle decisioni di Copenaghen.
“L’Ue – aggiunge anche il ministro dell’Ambiente svedese, Andreas Carlgren, – accoglie positivamente qualsiasi passo avanti ma i messaggi provenienti dai vertici delle Nazioni Unite e del G20 – osserva Carlgren – devono avere ripercussioni e trovare un riscontro a Bangkok. Noi leader politici intendiamo raggiungere un accordo e i negoziatori dovranno concentrarsi sugli elementi sostanziali ed essenziali”.