• Articolo , 11 gennaio 2011
  • Stoccaggio energetico d’avanguardia ed e-car nei piani di Bollorè

  • Il Gruppo Bolloré ha ricevuto 130 milioni di euro dalla BEI per finanziare le sue ricerche nelle batterie dei veicoli elettrici e le attività della controllata IER

(Rinnovabili.it) – Ben 130 milioni di euro, questa la cifra concordata ieri da Philippe de Fontaine Vive, vicepresidente della Banca Europea degli Investimenti (BEI), e Vincent Bolloré, Amministratore Delegato del Groupe Bolloré, firmatari di un contratto di finanziamento. Un prestito che andrà a sostenere la ricerca del gruppo francese su uno dei settori che più impegna il comparto della mobilità sostenibile: lo stoccaggio dell’energia elettrica. Il famoso imprenditore non molla la presa e prosegue spedito nel suo programma di sviluppo all’insegna del “full-electric”; dopo l’annuncio di Autolib, il vasto programma di car-sharing elettrico per i parigini, da buon leader nel campo dei trasporti e della logistica internazionale il Gruppo Bollorè è pronto rilanciare investendo nella R&S di una nuova generazione di batterie litio-metallo-polimero (LMP), tecnologia in grado di fornire un’autonomia di oltre 250 km e una totale sicurezza per i veicoli plug-in.
Philippe de Fontaine Vive, Vicepresidente della BEI, ha mostrato la sua soddisfazione per l’intesa: “Sono molto lieto di firmare questo contratto con Vincent Bolloré che segna il concreto impegno della BEI nel finanziamento dell’Innovazione e della ricerca-sviluppo in Francia. Facciamo affidamento sulla tecnologia, perché sono una chiave per il futuro in termini di sviluppo economico sostenibile. Si tratta di nuovi posti di lavoro altamente qualificati e un impatto diretto sulla vita quotidiana dei nostri cittadini”.
“Questa collaborazione contribuirà a sostenere il gruppo Bolloré”, ha spiegato Vincent Bolloré chiarendo anche l’intenzione per il 2011 di continuare ad investire nell’auto elettrica, probabilmente anche guardando all’Italia.