• Articolo , 5 marzo 2010
  • Studio: il cambiamento climatico ha influenzato l’evoluzione umana?

  • Studiare la ciclicità degli eventi metereologici mettendoli in relazione con i mutamenti genetici del genere umano e creando una mappa degli ecosistemi e delle realtà climatiche. Il progetto pubblicato dal National Research Council sembra ambizioso

(Rinnovabili.it) – Spesso i ricercatori hanno dichiarato che i cambiamenti climatici hanno innescato, nei secoli, eventi talvolta molto importanti, come le migrazioni e la creazione di nuove razze umane. E’ allo stesso modo noto come sia complesso risalire a questi mutamenti mediante lo studio dei fossili e delle testimonianze tangibili arrivate fino a noi. A tal proposito però il National Research Council ha pubblicato una relazione che racchiude un nuovo programma per lo studio interdisciplinare che punta ad analizzare come il passato abbia modificato l’evoluzione della specie umana.
Paleoantropologi e geologi hanno quindi organizzato due diversi programmi di analisi, uno della durata di dieci anni e uno lungo un ventennio con lo scopo di colmare le lacune su ciò che è stato cercando di collegare il come e il perché della nascita e della scomparse di specie vegetali e animali in relazione ad eventi climatici eccezionali, cercando di scoprire se a manifestazioni climatiche uguali corrispondono mutazioni e comportamenti umani e animali costanti nel tempo. In questo modo i ricercatori dovrebbero riuscire a ricostruire nel dettaglio ecosistemi e climi regionali e locali da poter confrontare con gli attuali in relazione all’evoluzione umana, diffondendo i risultati alla popolazione mondiale con lo scopo di sensibilizzare a quali possano essere le reali conseguenze del cambiamento climatico e dell’innalzamento della temperatura globale.
Il programma proposto verrà presentato e discusso il 31 marzo presso la Smithsonian Institution’s National Museum of Natural History di Washington, DC.