• Articolo , 11 marzo 2010
  • SunEdison e Santander per fotovoltaico a Rovigo

  • Il governo italiano ha concesso a SunEdison l’approvazione finale per costruire una serie di impianti solari da 72 MW nel nord est d’Italia, che una volta finti, dovrebbero costituire la più grande centrale fotovoltaica (PV) d’Europa. La SunEdison, che è una divisione della MEMC Electronic Materials, svilupperà il progetto grazie ad un finanziamento del Banco […]

Il governo italiano ha concesso a SunEdison l’approvazione finale per costruire una serie di impianti solari da 72 MW nel nord est d’Italia, che una volta finti, dovrebbero costituire la più grande centrale fotovoltaica (PV) d’Europa.
La SunEdison, che è una divisione della MEMC Electronic Materials, svilupperà il progetto grazie ad un finanziamento del Banco Santander.
La produzione di energia nei pressi di Rovigo inizierà nella seconda metà del 2010, con la completa entrata in funzione della struttura entro la fine dell’anno e nel suo primo anno di funzionamento produrrà energia per soddisfare oltre 17.000 abitazioni, evitando l’emissione di più di 40.000 tonnellate di CO2.
Secondo un funzionario della regione Veneto, Renzo Marangon, il progetto dovrebbe creare oltre 350 posti di lavoro:”Ci aspettiamo che Rovigo sia presa a modello europeo per la produzione di energia alternativa su larga scala”.