• Articolo , 7 ottobre 2010
  • Svizzera, i frigoriferi cambiano regime e risparmiano il 27% di energia

  • Frigoriferi di classe A++ che divengono ancora più efficienti grazie ad un compressore a regime variabile. La Svizzera con questo sistema potrebbe risparmiare 400 milioni di chilowattora all’anno

(Rinnovabili.it) – Nella corsa al risparmio energetico anche la Svizzera fa la sua parte inserendo nell’ambito della ricerca una voce che sul consumo domenstico incide invariabilmente. Parliamo degli impianti di raffreddamento e dei frigoriferi che dai dati dell’Ufficio federale dell’energia, risultano essere circa 6 milioni (in funzione sul territorio elvetico), consumando 2,5 miliardi di kWh l’anno, pari al 4% dell’intera energia impiegata a livello nazionale. Per ovviare al problema la ditta svizzera awtec AG per la tecnologia e l’innovazione di Zurigo ha condotto un progetto di ricerca atto a dimostrare che con una semplice modifica tecnica sia possibile rendere più efficienti i già virtuosi frigoriferi appartenenti alla classe A++, andando a ridurre di un terzo il consumo energetico e determinando un calo complessivo dei consumi di 400 milioni di chilowattora l’anno.
Il progetto ha messo a punto un nuovo circuito di raffreddamento che si basa sull’impiego di un compressore con un numero di giri variabile anziché fisso e in grado di operare per circa il 90% del tempo, circa 22 ore su 24. I test hanno dimostrato che più a lungo funziona il compressore, maggiore è il risparmio energetico; il dispositivo consente di risparmiare energia poiché, viaggiando ad un regime minimo fisso che aumenta solo in caso di effettiva necessità, evita che l’apparecchio “attacchi e stacchi”, meccanismo che è la causa principale dell’eccessivo consumo energetico. Il nuovo prodotto consentirà quindi il risparmio di un ulteriore 27% nelle macchine ad efficienza A++.