• Articolo , 19 novembre 2009
  • Taiwan e Germania finanziano il ‘Solar Roof Frisbee’

  • I 32 moduli concavi, messi a copertura del cortile di una scuola di Taipei, contribuiranno alla riduzione delle emissioni dannose: -3,9 tonnellate di CO2 all’anno

(Rinnovabili.it) – Il costruttore tailandese di pannelli LCD ‘AU Optronics’ ha annunciato il completamento del suo primo progetto di fotovoltaico altamente integrato in una scuola di Taipei. Il BIPV in questione impiega moduli solari concavi posizionati nel cortile della struttura scolastica privata ‘Taipei European’.
L’istallazione, denominata ‘Solar Roof Frisbee’ per la sua forma vicina appunto a quella di un frisbee, è composta da 32 moduli da 210 Watt ciascuno, una capacità di picco di 6.8 kW e in grado di produrre 6.205 kW/h all’anno. In termini ‘ambientali’ ciò significa una riduzione di 3,9 tonnellate di CO2 ma non è stato rilevato se l’impianto sia collegato o meno alla rete o destinato al fabbisogno della struttura che lo ospita.
L’impianto, che permette ai bambini di giocare riparati dalla pioggia e dal sole, è stato parzialmente finanziato dal ministero tedesco dell’Economia e della Tecnologia, sotto la presidenza dell’ Energy Agency all’interno del ‘Programma Tetti Solari’ volto a finanziare progetti d’oltremare che promuovono l’uso della tecnologia solare tedesca.