• Articolo , 24 luglio 2008
  • Task Force ambientale regionale

  • “Oggi si è riunita la Task Force ambientale regionale con l’obiettivo di fare il punto sulle attività a due anni dalla sua istituzione. – afferma Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli – Dalla riunione di questa mattina che si è svolta in Assessorato e alla quale hanno partecipato i tecnici dell’Assessorato Ambiente […]

“Oggi si è riunita la Task Force ambientale regionale con l’obiettivo di fare il punto sulle attività a due anni dalla sua istituzione. – afferma Filiberto Zaratti, Assessore all’Ambiente e Cooperazione tra i Popoli – Dalla riunione di questa mattina che si è svolta in Assessorato e alla quale hanno partecipato i tecnici dell’Assessorato Ambiente regionale, quelli di Arpa Lazio, di Ardis, dell’Istituto Zooprofilattico, i Carabinieri del Noe, i rappresentanti dell’Ato4, dei Consorzi di Bonifica e il Comune di Fiumicino, è emersa una valutazione estremamente positiva. Nell’ultimo anno sono stati riaperti ben 27 chilometri di costa del litorale laziale, di cui 11 solo nel litorale romano”. “Nell’ambito delle attività della Task Force ambientale regionale figurano la repressione delle attività di scarico illecito nei corsi d’acqua, oggetto di un protocollo d’intesa con i Carabinieri del Noe, processi di biofitodepurazione, collettamento di frazioni sprovviste di depurazione e interventi emergenziali in tema di risorse idriche. – prosegue Zaratti – Considero l’attività della Task Force ambientale regionale una delle punte di diamante dell’Assessorato che coniuga l’attività di rigoroso controllo del territorio, con lo sviluppo delle infrastrutture necessarie a una corretta gestione del ciclo idrico. L’attività sinergica che vede attori protagonisti i Comuni, le Province e la Regione sta dando ottimi risultati. D’accordo con il Comune di Fiumicino, all’interno della Task Force regionale sarà attivato un Centro di Studio permanente sulla qualità delle acque di Fregene che avrà lo scopo di condividere i dati sui monitoraggi effettuati e le relative scelte operative”.