• Articolo , 11 marzo 2011
  • Taxi, meglio se “verde”

  • Milano, 11 marzo 2011 – “Nell’ottica di rendere il servizio di auto pubbliche sempre più efficiente e rispettoso dell’ambiente, il Comune di Milano ha destinato un fondo di 1.000.000 di euro per l’erogazione di contributi ad ogni titolare di licenza taxi interessato all’acquisto di nuovi veicoli ad alimentazione ibrida, gpl e metano e per la […]

Milano, 11 marzo 2011 – “Nell’ottica di rendere il servizio di auto pubbliche sempre più efficiente e rispettoso dell’ambiente, il Comune di Milano ha destinato un fondo di 1.000.000 di euro per l’erogazione di contributi ad ogni titolare di licenza taxi interessato all’acquisto di nuovi veicoli ad alimentazione ibrida, gpl e metano e per la trasformazione a gpl o a metano dei veicoli Euro 3 e Euro 4. A breve, verrà pubblicato il bando che fornirà tutte le informazioni per accedere al contributo”. Lo comunica il Vice Sindaco e Assessore alla Mobilità Riccardo De Corato.
“La scelta, spiega De Corato, si inserisce nel quadro dell’accordo sottoscritto nel novembre 2006 con i rappresentanti dei tassisti, finalizzato al miglioramento complessivo del servizio taxi, e che comprendeva anche l’attuazione di politiche che incentivassero la sostituzione delle auto con veicoli a emissioni zero o a basso impatto ambientale.
Grazie alle iniziative messe in atto il numero di auto alimentate con carburante ecologico o ibride è quintuplicato nel giro di cinque anni: si è infatti passati dalle 300 di fine 2005 a 1.582 alla fine del 2010”.

“Inoltre, prosegue il Vice Sindaco, per rispondere positivamente alle esigenze dei tassisti e facilitare il servizio taxi, ho accolto la domanda delle organizzazioni di categoria di poter circolare nel primo tratto di Corso Sempione”.