• Articolo , 23 settembre 2011
  • Termodinamico: l’impianto egiziano di Kuraymat supera le aspettative

  • In funzione con successo dal giugno 2011, la centrale ibrida dimostra in campo prestazioni migliori dell’8% di quelle teoriche

(Rinnovabili.it) – Tre mesi dopo l’inizio della fase commerciale, la produzione del più importante impianto termodinamico egiziano ha superato le aspettative dei suoi stessi progettisti. Il campo solare di Kurayma, basato sulla tecnologia degli specchi parabolici sviluppata dal Gruppo Solar Millennium, genera quasi l’otto per cento di energia in più, in media, rispetto a quanto stimato inizialmente. La centrale, situata circa 100 chilometri a sud del Cairo, è entrata in esercizio nel mese di giugno 2011: 150 megawatt di potenza attivi 24 ore su 24 dal momento che l’impianto integra allo sfruttamento dei raggi solari anche quello del gas naturale. Questa combinazione permette di rifornire elettricamente quasi due milioni di persone. Christoph Wolff, l’amministratore delegato di Solar Millennium AG, ha spiegato “Kuraymat è la prova che la nostra tecnologia solare termica è efficiente. Inoltre, la centrale elettrica che dimostra in maniera come possa concretizzarsi la visione di Desertec, crea posti di lavoro locali per la produzione di energia pulita”. Al progetto infatti, hanno partecipato oltre 100 tecnici egiziani costruendo le circa 2.000 unità di collettori Skal-ET necessari. “La cooperazione con il nostro partner egiziano Orascom, funziona così bene che abbiamo, quindi, creato una base per un ulteriore lavoro congiunto nella regione e parteciperemo insieme alla gara il primo impianto solare termodinamico del Marocco”.