• Articolo , 11 novembre 2009
  • Terna: un elettrodotto collegherà la Sardegna alla Penisola

  • Terna realizzerà un cavo di rete elettrica che contribuirà ad aumentare l’efficenza dell’energia eolica in Italia. L’efficientamento farà risparmiare 70 milioni di euro l’anno

(Rinnovabili.it) – L’Associazione nazionale energia del vento (ANEV) plaude l’operazione di Terna relativa all’istallazione di innovativo elettrodotto, il secondo al mondo per lunghezza, che collegherà la Sardegna alla Penisola. Un modo questo che permetterà non solo di incentivare il settore dell’eolico andando a risolvere le problematiche legate al territorio sardo, ma , attraverso un sistema specializzato di import-export dell’energia elettrica a livello commerciale, contribuirà anche ad evitare che si creino congestioni al sistema di rete della zona sud della Sardegna, di cui beneficerà in generale anche il sistema elettrico nazionale.
Il progetto, ingente nelle sue proporzioni, farà da ‘ponte’ tra Lazio e Sardegna e vedrà la realizzazione del cavo di interconnessione Sa.Pe.I. svilupparsi per circa 400 km, con una profondità che toccherà i 1.600 metri sotto il livello del mare. Secondo alcune stime calcolate dalla stessa società Terna, circa 70 milioni di euro all’anno verranno risparmiati grazie alla migliore efficienza e ad una minore dispersione dell’energia da fonte eolica. Lo svecchiamento per la rete elettrica italiana sembra così prendere avvio, e l’Anev, dal canto suo sta tentando di avviare assieme a Terna un programma di rinnovamento per le infrastrutture ad appannaggio dell’apparato che governa e controlla la diffusione dell’energia elettrica nel nostro Paese, con lo scopo anche di raggiungere il livello europeo nell’adattamento alle regole e agli obblighi sulla diffusione dell’energia da fonti pulite.