• Articolo , 22 luglio 2010
  • Tokyo fa entrare l’energia del sole nei villaggi più remoti

  • Il Governo ha dato il via libera alla concessione di un fondo da circa 110 milioni di dollari alla compagnia nazionale di distribuzione dell’energia elettrica. Verranno istallati impianti fotovoltaici in 114 villaggi in aree remote attualmente non connesse alla rete nazionale

(Rinnovabili.it) – Più di 110 milioni di dollari: a tanto ammonta il finanziamento concesso dal Governo giapponese per fare arrivare anche nei più remoti villaggi dell’entroterra l’energia elettrica. Un’energia che, però, verrà prodotta solo grazie all’uso dei moduli fotovoltaici istallati su scuole, edifici pubblici, residenze sanitarie ed esercizi commerciali. L’annuncio di questa piccola rivoluzione solare, che potrebbe far fare un grande balzo in avanti sulla strada di un ulteriore ammodernamento di tutto il Paese, è arrivato da fonti ufficiali della _Rural Electrification Board_ ieri.
La compagnia nazionale di distribuzione dell’energia elettrica, la Rural Electrification Board (REB), fornirà entro il 2011 energia alle aree più remote di 114 villaggi giapponesi non ancora collegati alla rete nazionale. Fonti ufficiali della REB hanno comunicato di aver adottato un piano per portare l’energia prodotta grazie al sole in più di 200 scuole, quasi 150 centri sanitari, e a circa 30.000 famiglie. Inoltre, grazie a questo piano, circa 150.000 consumatori otterranno la connessione alla rete elettrica grazie agli impianti solari istallati nelle aree più remote, dove attualmente la fornitura di energia elettrica da parte della REB è molto difficile. “Se il governo giapponese confermerà il fondo per questo programma – ha spiegato uno dei funzionari della REB – andremo prima possibile nei villaggi in cui ancora manca l’energia”. L’azienda nazionale di distribuzione dell’energia elettrica giapponese ad oggi ha collegato alla rete circa 8,2 milioni di consumatori e ha fornito elettricità a 48.400 villaggi in tutto il Paese. Inoltre ha istallato alcuni impianti solari domestici anche in alcune delle zone rurali.