• Articolo , 26 aprile 2010
  • Tolleranza zero alle discariche

  • Il Presidente della Provincia Regionale di Siracusa On Nicola Bono è tornato a parlare della campagna “Tolleranza Zero” alle discariche abusive di rifiuti. E lo ha fatto stamani in una riunione, convocata dallo stesso Bono, a cui hanno partecipato i sindaci e i comandanti delle polizie comunali di tutta la provincia , oltre all’assessore all’ambiente […]

Il Presidente della Provincia Regionale di Siracusa On Nicola Bono è tornato a parlare della campagna “Tolleranza Zero” alle discariche abusive di rifiuti. E lo ha fatto stamani in una riunione, convocata dallo stesso Bono, a cui hanno partecipato i sindaci e i comandanti delle polizie comunali di tutta la provincia , oltre all’assessore all’ambiente Enzo Reale, il dirigente del settore Domenico Morello ed il comandante della polizia provinciale Pippo Caruso.
Bono ha registrato alcuni momenti di mancata sinergia fra i vari enti nella campagna di prevenzione e repressione ed ha invitato tutti ad una maggiore collaborazione.
La sollecitazione è stata raccolta dai sindaci e dai comandanti delle polizie comunali che, nel complimentarsi con Bono per l’azione della Provincia Regionale, hanno ribadito la volontà di collaborare, individuando percorsi comuni, anche in presenza di difficoltà finanziarie e con accorgimenti che non comportino necessariamente aggravio economico, ma attraverso un migliore coordinamento .
Bono ha chiesto che tutti i comuni garantiscano il personale per la formazione della pattuglie, anche se le risorse disponibili non consentissero di coprire l’intero periodo in cui si articolerà “Tolleranza Zero”. Il presidente della Provincia ha infatti rilevato che è sufficiente che ogni comune garantisca uomini per i servizi di sorveglianza notturna anche per due giorni la settimana, per una più efficace opera di controllo del territorio provinciale .
Bono ha , inoltre, illustrato quanto fatto dalla Provincia, i 400 mila euro investiti per la pulizia delle 192 discariche (lavoro iniziato lo scorso 6 aprile), gli 80 mila per il pagamento del lavoro straordinario e notturno, ed altri fondi per le telecamere che controlleranno il territorio più a rischio, e per la campagna di sensibilizzazione.
Fra le novità che si possono inserire nella campagna, oltre ad una migliore sinergia ed organizzazione, anche l’utilizzo, come avvistatori, di associazioni Onlus di protezione Civile, come fatto con risultati positivi per la prevenzione degli incendi la scorsa estate.
Dopo queste sollecitazioni e suggerimenti tecnici per come utilizzare le risorse disponibili il presidente della Provincia ha dato appuntamento ai comandanti delle polizie locali per un incontro, fra quindici giorni circa, per verificare se sono stati raggiunti livelli soddisfacenti di coordinamento .