• Articolo , 14 gennaio 2008
  • Tomorrow Tower: il grattacielo che respira

  • Sarà presentato al World Future Energy Summit e funzionerà come un albero. E’ la “torre di domani”, l’ultima creazione dell’architetto William McDonough

Il grattacielo progettato da William McDonough si chiamerà Tomorrow Tower ed è stato commissionato dalla rivista Fortune. La presentazione ufficiale avverrà a fine mese, ad Abu Dhabi, in occasione del World Future Energy Summit. La facciata a sud è dotata di pannelli fotovoltaici che provvedono a soddisfare il 40% del fabbisogno energetico dell’edificio. Parte del riscaldamento viene fornito da un sistema geotermico, il resto viene da un impianto a metano, determinando un amento del 90% dell’efficienza. La forma tondeggiante ed aerodinamica aumenta la stabilità strutturale, massimizzando lo spazio interno, e aiuta a smorzare l’impatto del vento. Il tetto e la facciata a nord sono coperta da un muschio caricato positivamente che cattura il pulviscolo atmosferico, aiutando nel contempo a regolare la temperatura. Le acque reflue provenienti dagli appartamenti sono adeguatamente trattate attraverso la fitodepurazione, per un successivo riutilizzo. Nei locali ci sono dei sensori che mettono in funzione illuminazione e condizionamento solo se qualche persona è presente (non scaldiamo fantasmi, dice McDonough). L’architetto ha curato anche l’arredamento degli interni, preferendo oggetti che possano essere smontati in componenti riusabili o riciclabili, applicando il suo famoso concetto “dalla culla alla culla“. (fonte CNN)