• Articolo , 7 giugno 2007
  • Toscana: girasoli hi-tech per produrre energia

  • Entro l’anno sarà realizzata una distesa di “girasoli fotovoltaici” capaci di soddisfare il fabbisogno energetico di 500 famiglie. 8 milioni di euro il costo dell’operazione

Saranno 137 i girasoli fatti di silicio e vetro, che, come i veri girasoli, si muoveranno sui loro steli per inseguire il sole e captarne l’energia il più a lungo possibile durante l’arco della giornata. Così rispetto agli impianti fissi si aumenta del 30% la produzione di energia elettrica: i pannelli raggiungono la potenza massima già due ore dopo l’alba e la mantengono inalterata fino a due ore prima del tramonto. Sorgeranno entro l’anno nel comune di Roccastrada in Maremma, grazie ad un’iniziativa di Federico Vecchioni, imprenditore agricolo già impegnato nella produzione di olio e cereali per biomassa. Il “Parco del cicalino”, così si chiamerà, costerà 8 milioni di euro, coprirà una superficie di 5 ettari e potrà erogare una potenza di 1 megaWatt, con una produzione annua capace di soddisfare il consumo di energia di circa 500 famiglie. Grazie all’energia dei girasoli di vetro si potranno così risparmiare 312 tonnellate di petrolio e si eviteranno emissioni di atmosfera per un totale di 952 tonnellate di anidride carbonica all’anno. (fonte IlTamTam.it)