• Articolo , 5 novembre 2009
  • Total e MIT annunciano il progetto “Batterie Solari”

  • La Compagnia del Petrolio Francese ha accordato per un finanziamento di quattro milioni di dollari che serviranno agli studiosi del Mit Energy nella sperimentazione di una nuova tipologia di batteria a ricarica solare

(Rinnovabili.it) – Nel rapporto “Chemistry of Personalized Solar Energy” pubblicato recentemente sull’American Chemical Society’s journal, è ampiamente sostenuto che la maggior parte delle modalità utilizzate per la stoccaggio dell’energia solare sono limitate dalla ridotta _densità energetica_ che nel caso di una tradizionale batteria si aggira tra il -0.1 e -0.5 MJ per Kg. In parole povere, a parità di massa alti valori di densità corrispondono ad una maggiore quantità di energia che può essere immagazzinata o trasportata.
Nonostante tutto la maggior parte delle ricerche in questo campo si stanno concentrando sulla _densità di potenza_ , ossia la velocità con cui una carica può fluire dentro e fuori di una batteria.
Lo scienziato Daniel Nocera del Massachusetts Institute of Technology (MIT), autore del documento, per aggirare il problema ha focalizzato le sue ricerche sulla realizzazione di un sistema basato su combustibili liquidi che permettano di raggiungere una densità energetica di circa 50 MJ per Kg, ovvero cento volte maggiore rispetto a quella ottenuta utilizzando i metodi tradizionali ad oggi sperimentati per la memorizzazione dell’energia solare. Il sistema si basa su un catalizzatore che sviluppa ossigeno e idrogeno a partire dalle molecole d’acqua attraverso un procedimento molto simile alla fotosintesi delle piante, suddivide le molecole dell’acqua separando quelle dell’ossigeno da quelle dell’idrogeno. Ma per il MIT la questione non si esaurisce e in concomitanza con lo studio di Nocera, sta fornendo il supporto scientifico ad alcuni ricercatori della Compagnia petrolifera francese Total nel tentativo di sviluppare una tecnologia rivoluzionaria per l’immagazzinamento dell’energia rinnovabile da fonte solare o eolica.
Il progetto è stato suggellato con un accordo da quattro milioni di dollari all’interno della MIT Energy Initiative, a cui Total ha aderito nel novembre 2008; l’obiettivo: realizzare nel minor tempo possibile batterie solari a basso costo e a lunga durata per immagazzinare l’energia generata dai moduli fotovoltaici.