• Articolo , 30 giugno 2010
  • Tra Icim e Cariparma è intesa sulle rinnovabili

  • Da oggi per realizzare impianti fotovoltaici o a biomassa con il finanziamento Cariparma si dovrà prima ottenere la verifica tecnica del progetto da ICIM che ne attesti la qualità e la produttività

(Rinnovabili.it) – Rendere più sicure ma soprattutto meno “burocraticamente” complicate le procedure di finanziamento nel settore delle rinnovabili. Con questo obiettivo nasce l’intesa tra Icim SpA, Ente di Certificazione, ed il Gruppo CARIPARMA FriulAdria (parte della francese Crédit Agricole). La Convenzione stipulata ha come destinatari ultimi aziende e privati che intendano installare un impianto fotovoltaico o a biomasse usufruendo del finanziamento “Cariparma Energia”. Nel dettaglio l’accordo prevede che per ottenere la concessione finanziaria venga prima attuata dall’Icim una verifica tecnica del progetto con successivo rilascio, in presenza delle condizioni idonee, di una certificazione di fattibilità, qualità e produttività dell’installazione in questione.
Il documento costituisce una forma di tutela e garanzia sia per l’Istituto di credito investitore che per gli stessi progettisti che avranno dalla loro un ulteriore elemento qualificante dell’offerta commerciale. “L’attenzione all’ambiente e alla diffusione delle fonti di energia pulita – ha dichiarato Giovanni Borlenghi, Responsabile del Servizio Filiere Produttive e Credito Agevolato – sono obiettivi importanti per il Gruppo Cariparma e il nostro modello di business lo conferma. La Business Unit Energia è una struttura interamente dedicata a supportare le aziende che intendono investire in impianti di energia verde. Ad oggi la Business Unit ha esaminato progetti per oltre 250 milioni di euro dei quali oltre il 50% si stanno realizzando. La partnership con ICIM, inoltre, conferma l’intenzione di voler fornire al cliente un plus rispetto alla semplice erogazione del prestito, nell’ottica di un servizio di consulenza a 360°”.