• Articolo , 18 ottobre 2010
  • Trasporti, Cattaneo: presto car sharing elettrico

  • Partirà dal prossimo dicembre un progetto di car e bike sharing elettrico per integrare il trasporto su ferro. Lo ha annunciato l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo nell’ambito dell’evento Mobility Tech, il Forum internazionale dell’innovazione, mobilità e trasporti che si è svolto a Palazzo Giureconsulti. “Il 97% dei sistemi di mobilità […]

Partirà dal prossimo dicembre un progetto di car e bike sharing elettrico per integrare il trasporto su ferro. Lo ha annunciato l’assessore alle Infrastrutture e Mobilità di Regione Lombardia Raffaele Cattaneo nell’ambito dell’evento Mobility Tech, il Forum internazionale dell’innovazione, mobilità e trasporti che si è svolto a Palazzo Giureconsulti.

“Il 97% dei sistemi di mobilità dipende da combustibili fossili – ha spiegato Cattaneo – ciò significa che il settore ha bisogno di un grande cambiamento. Oltre a fare in modo che quello pubblico si affermi come alternativa di qualità, in grado di competere con il trasporto privato, Regione Lombardia sta prospettando soluzioni differenti e innovative per la mobilità urbana. Tra le iniziative messe in campo, da qualche mese stiamo lavorando a un progetto di car sharing con auto elettriche e bike sharing con biciclette elettriche a pedalata assistita che, grazie alla collaborazione con Ferrovie Nord e TLN, andranno a integrare il servizio ferroviario”.

“A partire da dicembre – ha aggiunto l’assessore – i pendolari, una volta scesi dai treni, avranno a disposizione anche questa nuova forma di trasporto, che consentirà loro di spostarsi in maniera ecocompatibile all’interno delle città. le prime due postazioni saranno a Milano Cadorna e Varese Nord”.

Da marzo 2011 è prevista poi l’apertura di ulteriori 18 parcheggi nelle altre stazioni di Milano, di Como, Saronno, Busto Arsizio, Gallarate, Brescia e negli aeroporti di Linate, Malpensa e Orio al Serio. L’assessore Cattaneo ha inoltre ricordato l’impegno di Regione per il potenziamento della mobilità dolce grazie allo sviluppo e alla riqualificazione della navigazione delle vie interne e al finanziamento dei progetti per le piste ciclabili presentati dai Comuni lombardi.