• Articolo , 24 marzo 2009
  • Trasporto verde a Firenze grazie al MIT di Boston

  • Paline eoliche e fotovoltaiche per il trasporto pubblico locale fiorentino. Curiosità e forte interesse per le soluzioni avanzate dal MIT di Boston.

Delegazione del Comune di Firenze al Massachusetts Institute of Technology di Boston dove il consorzio Senseable City Lab sta sperimentando un prototipo innovativo di pensilina per bus. L’occasione è quella del prossimo bando di gara per il nuovo affidamento del trasporto pubblico locale per i prossimi cinque anni, le motivazioni vanno dalla necessità di ridare un’immagine al trasporto fiorentino al voler contribuire alla lotta contro i cambiamenti climatici utilizzando energia derivante da fonte rinnovabile. Il progetto del MIT per le nuove paline prevede quindi che queste siano sia efficienti dal punto di vista del servizio offerto dando indicazioni sulle condizioni di traffico e sulle posizioni dei mezzi pubblici interfacciandosi con essi tramite tecnologia wireless, che totalmente eco-compatibili grazie all’alimentazione assicurata da una turbina eolica e da un pannello fotovoltaico.
Nel futuro è previsto anche che le paline siano dotate di sistema audio al fine di rendere accessibili a tutti le informazioni fornite. Pertanto, sulla parete principale verranno fornite informazioni dettagliate sugli orari e le fermate interagendo con un O.led, ovvero un nuovo schermo più leggero e luminoso.
Quanto alle pensiline, queste potranno comunicare a distanza grazie alla tecnologia bluetooth e ad uno schermo touch screen. Le nuove fermate dei bus saranno tutte provviste di dispositivi elettronici e display per comunicare all’utenza informazioni in tempo reale relative al traffico e ai mezzi pubblici in arrivo. Prevista pertanto per il 31 marzo la presentazione delle diverse soluzioni tipo delle nuove paline e pensiline definite ‘intelligenti’ dandone anche una probabile collocazione già concordata con gli enti locali, tutto nell’ambito della Conferenza Stampa di presentazione dei risultati della campagna di comunicazione “Signori si cambia”.