• Articolo , 16 aprile 2009
  • Tunisia: l’atlante eolico spagnolo rivela un tesoro

  • Il Centro spagnolo per le energie rinnovabili presenta il primo atlante del vento messo per valutare le potenzialità dell’energia eolica nel paese magrebino nel paese magrebino.

(Rinnovabili.it) – L’analisi arriva dalla due giorni magrebina organizzata congiuntamente dal Ministero tunisino dell’Industria e dell’Energia e l’Ambasciata di Spagna: la Tunisia è un paese ad alto potenziale eolico, con diverse aree interessanti dal punto di vista della redditività. A riferire l’importante dato è l’atlante eolico messo a punto dal CENER, il Centro Nazionale per le energie rinnovabili con sede a Madrid. Primo strumento in tal senso, l’atlante è stato creato per indagare le possibilità dello Stato nord africano nel settore della produzione eolica, con l’obiettivo di dare lo stesso impulso registratosi in questi anni per il solare termico. Il vento, infatti, rimane ad oggi una fonte ancora marginale nell’intera area del Maghreb.
La mappa è il risultato di un anno di rivelazioni attraverso 17 torri anemometriche installate in tutto il Paese controllate ogni settimana con un centinaio di computer e simulatori. I 12 esperti che hanno partecipato allo sviluppo del progetto utilizzando il sistema di informazione geografica (GIS) hanno potuto ottenere dati di buona qualità e un formato interattivo. “L’atlante – ha spiegato Ignacio Pérez Martí del CENER – mostra che vi sono aree con un buon potenziale eolico e ad alta redditività, e indica che la zona del nord-ovest è la migliore. Più a sud invece, è molto interessante l’intera area del deserto del Sahara”.