• Articolo , 20 aprile 2009
  • UE: 28 milioni per 40 progetti

  • Finanziamento europeo di 28 milioni di euro per 40 progetti mirati alla salvaguardia dell’ambiente.

(Rinnovabili.it) – Ventotto milioni di euro per 40 progetti, è a quanto ammonta il finanziamento europeo messo a disposizione per incentivare quelle iniziative e quei progetti relativi a beni, procedure e servizi mirati alla salvaguardia dell’ambiente. Lanciato infatti oggi il secondo bando per progetti eco-innovativi rivolto prevalentemente alle piccole e medie imprese e finalizzato alla riduzione dell’impronta ecologica dell’industria ed all’ottimizzazione delle risorse.
I 40 progetti fanno parte di quelle proposte che sono state selezionate nell’ambito del programma competitività ed innovazione dell’UE cui era connesso bando di concorso. Fra i settori di interesse, il riciclo inteso non solo dal punto di vista dei rifiuti o idrico, ma anche per quanto riguarda cibo e bevande, l’edilizia e il mercato verde, espressione di una molteplicità di settori quali industri volte alla produzione di beni di consumo, materiali da costruzione come legno, metallo e ceramiche, ma anche vini e servizi tecnologici, che hanno partecipato al bando. Una delle ricerche proposte riguarda infatti l’intenzione di recuperare i materiali di scarto derivanti dall’attività delle concerie e delle industrie del cuoio ricavandone fertilizzante; quanto al trattamento delle delle acque reflue, nello specifico nell’ambito della depurazione, è stata avanzata invece l’ipotesi dell’utilizzo del bambù. Obiettivo comune di tutti i progetti presentati è quello di ridurre l’impatto ambientale derivante dell’espletarsi delle attività umane sul territorio globale, puntando ad ottimizzare lo sfruttamento e la protezione delle risorse naturali. Grande partecipazione, nella precedente selezione, da parte dei 27 Stati Membri, ma anche di Norvegia, Islanda, Liechtenstein, Croazia, ex Repubblica iugoslava di Macedonia, Montenegro, Israele, Turchia e Albania.