• Articolo , 19 febbraio 2010
  • UK: altri 8 milioni per l’industria eolica britannica

  • Grazie ai fondi stanziati dal governo l’industria britannica dell’eolico si conferma ai primi posti in Europa ma l’innovazione punta alla produzione di un rotore con lame da 72 metri

(Rinnovabili.it) – Il governo britannico ha incrementato di 8 milioni di sterline il fondo destinato allo sviluppo dell’industria dell’eolico off-shore invitando a presentare le domande per le sovvenzioni relative a tecnologie innovative e a progetti di produzione.
Il fondo è stato annunciato in occasione dell’inaugurazione del nuovo impianto per la produzione di turbine eoliche ‘Clipper Windpower’ che lo scorso anno ha ricevuto una sovvenzione pari a 4,4 milioni di sterline, somma facente parte della prima fase del fondo ETF, l’ Environmental Transformation Fund.
Alla cerimonia hanno preso parte anche il Primo Ministro Gordon Brown e il segretario all’Energia e ai Cambiamenti Climatici Ed Miliband che hanno voluto porre l’attenzione sull’impegno del Paese nei confronti dello sviluppo del settore delle energie rinnovabili invitando il settore a seguire il virtuoso esempio delle industri Clipper.
Durante la cerimonia la compagnia ha voluto annunciare l’intenzione di portare a termine i progetti relativi alla costruzione di un altro sito per la produzione di rotori eolici a Newcastle confermando la scadenza annunciata: terminare la prima fase dei lavori entro la fine del 2010.
La fabbrica, che produrrà turbine da 10 MW, ha un potenziale notevole in termini di assunzioni, si prevedono infatti 500 assunzioni entro il 2020 per portare avanti la produzione della turbina eolica più grande del mondo, con pale che arriveranno a misurare ben 72 metri.