• Articolo , 18 giugno 2010
  • UK: entro il 2012 trenta mln di litri di bioetanolo dai rifiuti

  • Prevista per il 2012 la messa in funzione dell’impainto della INEOS Bio in grado di trasformare i rifiuti in energia e biocarburanti sfruttando l’innovativa BioEnergy Process Technology

(Rinnovabili.it) – Previsioni da record per il sito di Tees Valley. Nel Regno Unito si stima una produzione di trenta milioni di litri di bioetanolo per INEOS Bio che potrebbe diventare il primo impianto commerciale europeo ad utilizzare l’innovativa BioEnergy Process Technology.
L’impianto, che dovrebbe essere operativo entro il 2012, avrà una potenza di 3 megawatt elettrici la cui fonte primaria deriverà dalla lavorazione di oltre 110.000 tonnellate all’anno di rifiuti biodegradabili, domestici e commerciali, in biocarburante. Il prodotto finale sarà utile all’alimentazione di circa 250.000 veicoli l’anno oltre al rifornimento elettrico di 6.000 famiglie.
“Utilizzando la nostra tecnologia, i rifiuti che vengono raccolti dalle abitazioni e dagli uffici possono essere riciclati in biocarburante per auto e energia elettrica rinnovabile pulita per uso domestico ed industriale”, ha dichiarato il CEO di INEOS Peter Williams. INEOS Bio grazie alla _BioEnergy Process Technology_ combina processi termochimici e biochimici per la produzione di energia ad alta efficienza e biocarburanti a basso costo a partire dalla biomassa. Il cuore della tecnologia è la fermentazione anaerobica in cui i batteri presenti naturalmente convertono i gas derivati direttamente dalle biomasse in bioetanolo, ha informato la società. La produzione del biofuel è integrata con la produzione combinata di calore ed energia elettrica totalmente green e a emissioni zero.