• Articolo , 5 gennaio 2010
  • UK, il ‘pacchetto clima’ incentiva i nuovi boiler

  • Grazie agli incentivi governativi circa 125mila famiglie britanniche potranno beneficiare di uno sconto di 400 sterline per l’acquisto e l’istallazione di una nuova caldaia a basso consumo energetico

(Rinnovabili.it) – Il via al regime di incentivi proposto dal governo britannico lo scorso mese e destinato ad agevolare la sostituzione delle caldaie per uso domestico è stato posticipato al 18 gennaio 2010.
Il pacchetto prevede un contributo di 400 sterline destinato alle famiglie inglesi intenzionate a cambiare il vecchio boiler appartenente alla categoria di efficienza ‘G’ con uno a basso consumo, contribuendo così sia alla riduzione delle emissioni dannose che dell’importo della bolletta energetica.
Le stime prevedono un vantaggio per circa 125mila famiglie con una spesa che il governo ha calcolato si aggirerà intorno ai 50 milioni di sterline.
Dopo aver riscontrato che la caldaia rispecchia i criteri necessari per ottenere l’incentivo sarà sufficiente recarsi da un installatore certificato per un preventivo e inviare il materiale all’Energy Saving Trust (EST), che, accertatosi della conformità dei requisiti, rimborserà il cittadino dopo aver ricevuto la fattura di pagamento emessa dall’installatore.
Benché molte ditte produttrici di boiler stiano offrendo sconti ed agevolazioni simili all’incentivo governativo, la manovra di efficientamento energetico si spera contribuirà a salvaguardare numerosi posti di lavoro nel settore, garantendo ai consumatori un risparmio annuo di circa 200 sterline con emissioni totali di CO2 evitate pari a 140mila tonnellate all’anno.