• Articolo , 2 luglio 2010
  • UK: il settore auto chiede eco-incentivi

  • Qualora il governo britannico non dovesse stanziare fondi per l’incentivazione dell’acquisto di veicoli a basse emissioni il settore auto sceglierà altri mercati. Questo il succo della lettera inviata al governo UK da Citroen, Mitsubishi, Nissan, Peugeot e Renault

(Rinnovabili.it) – Il settore auto fa pressione sul governo britannico affinché vengano approvati gli incentivi che dovrebbero consistere in un sussidio di un massimo di 5000 sterline per acquirente a vantaggio del mercato dei veicoli elettrici. Minacciando di tagliare gli investimenti in Gran Bretagna, secondo quanto riportato dal quotidiano britannico _The guardian_ , le case produttrici, tra cui Citroen, Mitsubishi, Nissan, Peugeot e Renault hanno inviato una lettera congiunta al governo sottolineando che “senza incentivi il Regno Unito diverrà presto un mercato molto meno attraente dove collocare i nostri prodotti” avvertendo che, attualmente, stanno valutando di investire in paesi dove il settore risulta maggiormente supportato da agevolazioni finanziarie.
“In poche parole, come imprese ci concentreremo sui mercati che forniscono l’ambiente migliore per vendere i nostri veicoli” si legge nella lettera “Il _Bilancio di Emergenza_ non fa alcun riferimento specifico al sostegno verso i veicoli a bassa emissione di carbonio, ha lasciato le nostre imprese davanti alla posizione incerta del governo”.
La posizione delle case automobilistiche è stata rafforzata anche dai dati di un sondaggio condotto su 1150 automobilisti che hanno dichiarato che gli incentivi governativi potrebbero rendere interessante l’acquisto di un veicolo meno inquinante che altrimenti, visti i costi elevati, non sarebbero interessati a comperare.