• Articolo , 7 giugno 2010
  • UK, l’Agenzia Ambientale bandisce allo staff i voli a breve raggio

  • Il personale dell’Agenzia dovrà spostarsi con mezzi alternativi all’aereo quando possibile. La decisione dell’Agenzia per l’Ambiente punta alla riduzione degli inquinanti, in linea con la politica verde che quattro anni fa provvide al taglio del chilometraggio concesso alle auto aziendali

(Rinnovabili.it) – L’Agenzia per l’Ambiente del Regno Unito sta vietando i voli a breve raggio per il proprio personale nei casi in cui ci sia un’alternativa che garantisca di spostarsi a basso impatto ambientale. Dopo aver provveduto alla riduzione del 24% del chilometraggio consentito alle auto aziendali nel corso degli ultimi quattro anni l’Agenzia ha voluto procedere, in linea con la politica verde da tempo adottata, bloccando l’accesso del personale ai voli interni tra Galles e Inghilterra aggiungendo anche le rotte nel Nord Europa coperte dagli Eurostar, come Parigi o Bruxelles.
La politica, entrata in vigore nei giorni scorsi, consentirà la riduzione delle emissioni per circa 30 tonnellate di CO2 l’anno, calcolata su una media di circa 1000 voli annui effettuati dal personale dell’EA (Environment Agency).
Saranno escluse dal divieto tutta una serie di circostante eccezionali tra cui le emergenze ambientali che richiedono rapidi spostamenti per la supervisione dell’accaduto, per garantire l’intervento tempestivo. “Il personale si è dimostrato molto favorevole al cambiamento”, ha rivelato un portavoce dell’Agenzia “Questo vuol dire che le persone si dovranno organizzare con un po’ più di anticipo affinché possano ottenere il prezzo migliore per i biglietti ferroviari o considerare l’eventualità dell’utilizzo di teleconferenze” aggiungendo che l’EA spera che altri dipartimenti governativi seguano l’esempio tagliando, ove possibile, sui voli nazionali.