• Articolo , 10 aprile 2008
  • Ultima Tower: 3,2 km di ecoarchitettura

  • L’edificio più alto del mondo mai realizzato, promette d’essere un vero ecosistema in grado di rispondere al problema dell’urbanizzazione incontrollata

Attualmente il Taipei Financial Center, con i suoi 508 metri, è l’edificio più alto al mondo. Nonostante siano in progettazione diversi grattacieli in grado di superare la quota raggiunta da Taiwan, nessuno potrà competere con la Two-Mile-High del designer Eugene Tsui. Pensata come risposta al problema del congestionamento delle nuove metropoli, Ultima Tower è una torre a forma di vulcano, alta quasi 3,2 chilometri e capace di ospitare 1.000.000 di persone. Una sorta di ecocittà estremamente stabile e aerodinamica, progettata per resistere alle calamitá naturali. Al suo interno l’atmosfera é regolata da una ventilazione naturale con sistemi di conversione di energia che vanno dall’eolico al fotovoltaico, mentre all’esterno le pareti sono realizzate in vetro strutturale, ricoperto di vegetazione per il 50%, e grazie ad un sistema di cavi in tensione l’intero edificio assorbe e dissipa facilmente le onde d’urto dei terremoti. A questo si aggiunge un approvvigionamento idrico autonomo ed un sistema di illuminazione naturale basata su un sistema di specchi riflessi.