• Articolo , 29 febbraio 2008
  • Un anello di energia pulita intorno a Torino

  • Al convegno sulle energie rinnovabili promosso dalla General Motors al Politecnico, la presidente della Regione Piemonte, Mercedes Presso, lancia l’idea di trasformare la tangenziale torinese in una centrale di eco-energia

Il Piemonte mira a diventare una Regione a “zero emissioni”. Dopo il primo prototipo d’auto solare, a cui sta lavorando assieme al Centro ricerche Fiat, in via sperimentale il tratto di tangenziale che collega Torino con l’aeroporto di Caselle sarà coperto da moduli fotovoltaici in grado di trasformare l’energia raccolta in idrogeno. Ad annunciare il progetto è stata Mercedes Presso durante una tavola rotonda al Politecnico. “Il nostro obiettivo è creare intorno a Torino un anello di produzione energetica. Si tratta di un’iniziativa ambiziosa che finanzieremo con una parte di quel 30% dei fondi messi a disposizione delle regioni dall’Unione Europea”. La presidente della Regione durante il convegno sulle energie rinnovabili, promosso dalla General Motors Powertrain Europe, ha anche promesso l’apertura in tempi brevi di una stazione per l’idrogeno all’Environment Park: “Il problema – spiega Bresso – non è solo quello di utilizzare fonti energetiche pulite ma anche quello di ottenere quelle fonti in modo pulito. Se utilizziamo il petrolio per ottenere l’energia necessaria a produrre il combustibile a idrogeno, creiamo un circolo vizioso”. “Il Piemonte – ha concluso – è la regione europea che mette il maggior numero di risorse europee nella realizzazione di fonti di energia rinnovabili e dopo le elezioni lanceremo gli Stati generali dell’energia per chiamare a raccolta risorse intellettuali, politiche ed economiche in modo da fare davvero del Piemonte una regione ad emissioni zero”.