• Articolo , 14 febbraio 2008
  • Un San Valentino ad impatto zero

  • Nella giornata degli innamorati ecco alcune delle buone proposte, che fanno bene al cuore e all’ambiente

Come essere romantici e sostenibili al tempo stesso? Ad esempio regalando rose e garofani a “chilometri zero”. L’iniziativa, è partita dalla Coldiretti nel giorno di San Valentino ed oltre promuovere il Made in Italy l’obiettivo è di salvare clima e ambiente dall’inquinamento provocato dai lunghi trasporti che i fiori importati da paesi lontani subiscono, ed andando anche contro allo sfruttamento delle migliaia di donne costrette a lavorare nel settore floreale. Questa è solo una delle iniziate che partono oggi per festeggiare il giorno degli innamorati. Al grido di “I love Kyoto” oggi Legambiente ha riempito Piazza delle Cinque Scole a Roma con 150 arbusti della macchia mediterranea, solo un gesto simbolico per contribuire, anche se in minima parte, a ridurre l’enorme quantità di CO2 presente nell’aria. Diversi ristoranti e pizzerie, osterie ed enoteche hanno detto si alla cena a lume di candele, promuovendo simbolicamente il risparmio energetico e richiamando l’attenzione sui gravi problemi connessi ai cambiamenti climatici. Ed interessante è anche la campagna lanciata dal “forPlanet”, associazione per la conservazione ambientale impegnata nella salvaguardia degli ecosistemi a rischio. In occasione di San Valentino “forPlanet” offre la possibilità di dichiarare i propri sentimenti attraverso l’adozione d’una porzione di foresta tropicale della superficie di 1500 mq (www.forplanet.org). Un modo originale per dichiarare il proprio amore al partner e al pianeta. Forse non c’è modo migliore per dire che l’amore conserva l’ambiente.