• Articolo , 25 luglio 2008
  • Un urlo salverà la foresta amazzonica

  • Un’estrosa manifestazione a favore della foresta amazzonica, il polmone mangia-Co2 che non deve essere toccato. Domani alle tre di pomeriggio un urlo bestiale di diecimila persone griderà tutta la necessità di difendere l’ambiente

Sarà il caldo, sarà la carica delle vacanze, sarà che la coscienza ecologica non fa difetto (a dispetto dei pessimisti), fatto sta che domani un urlo più forte del rumore di un jet sarà lanciato per salvare la foresta amazzonica. A “urlare” saranno oltre diecimila persone che si sono date appuntamento domani all’Aquafan di Riccione (Rimini) per il primo ‘Shout4Planet’ al mondo.
Radunati dal tam tam di internet e dai telefonini, il movimento del Ride4Planet (www.ride4planet.it), festeggerà il Ride4Planet Day, per richiamare l’attenzione sull’importanza di salvaguardare il cosiddetto polmone verde del pianeta. La preparazione dell’urlo comincerà la mattina quando i coreografi dell’Aquafan inizieranno un’apposita danza, chiamata il ‘ballo del gorgheggio’, e daranno tutte le indicazioni ai partecipanti per aprire al massimo le vie respiratorie e aumentare la proprie capacità di ‘urlo’. Il momento clou della giornata sarà attorno alle 15, quando il campione di Moto Gp Andrea Dovizioso e la conduttrice tv Tessa Gelisio, presidente dell’associazione 4Planet, daranno il via al fatidico urlo da record, che sarà misurato con un apposito strumento.
L’obiettivo? Superare il boato che produce un jet in fase di decollo (circa 120 decibel) senza strumenti tecnici e fare tanto, tanto rumore a favore della zona del mondo che fa sparire ingenti quantità di Co2.