• Articolo , 22 novembre 2008
  • Una centrale a biomasse a Montegabbone

  • Una centrale a biomasse da 16 MV potrebbe sorgere a Montegabbione. E’ prevista per mercoledì prossimo una riunione istituzionale che il sindaco uscente, Marco Spallaccini, ha convocato con i Comuni dell’alto Orvietano, la Comunità montana, la Provincia di Terni e le associazioni degli agricoltori per sottoporre alla loro attenzione un progetto di impianto industriale di […]

Una centrale a biomasse da 16 MV potrebbe sorgere a Montegabbione. E’ prevista per mercoledì prossimo una riunione istituzionale che il sindaco uscente, Marco Spallaccini, ha convocato con i Comuni dell’alto Orvietano, la Comunità montana, la Provincia di Terni e le associazioni degli agricoltori per sottoporre alla loro attenzione un progetto di impianto industriale di una centrale a biomasse di elevata potenza che dovrebbe sorgere nella cava in dismissione a Montegabbione, in vista del castello di Parrano e lungo la valle del Fiume Chiani. A realizzarlo sarebbe la società “Bioenergia investimenti spa”, che ha sede nel Bresciano.

Già sul piede di guerra il Forum degli ambientalisti dell’Orvietano, che si chiede dove e come si troverebbero le enormi quantità di biomasse necessarie. E rammenta come l’assessore all’ambiente della Regione Umbria, Lamberto Bottini, abbia definito senza senso questa idea in sede di assemblea pubblica a Orvieto il 28 ottobre. “Nonostante ciò qualcuno va ancora avanti nel suo PD”, afferma per ora informalmente un rappresentante del Forum. “Ancora una volta dovranno essere i cittadini a fermarli… alla faccia dello sbandierato modello umbro di sviluppo basato su turismo, ambiente e cultura!”