• Articolo , 15 dicembre 2008
  • Una nuova centrale idroelettrica sul “Canale Muzza”

  • In occasione del 25° anniversario dell’istituzione del Parco Adda Nord, sabato 13 Dicembre è stata inaugurata a Cassano d’Adda la centrale “Scaricatore di Mezzo”, il nuovissimo impianto di proprietà della Quattordici SpA di Padova (Gruppo Sorgent.e) Lo sfruttamento dell’energia idroelettrica lungo il corso dell’Adda e dei suoi affluenti vanta una lunghissima tradizione e si parla […]

In occasione del 25° anniversario dell’istituzione del Parco Adda Nord, sabato 13 Dicembre è stata inaugurata a Cassano d’Adda la centrale “Scaricatore di Mezzo”, il nuovissimo impianto di proprietà della Quattordici SpA di Padova (Gruppo Sorgent.e)
Lo sfruttamento dell’energia idroelettrica lungo il corso dell’Adda e dei suoi affluenti vanta una lunghissima tradizione e si parla proprio di “Sistema Idroelettrico Canale Muzza” per descrivere un sistema di centrali unico in Europa. Esistono infatti sei impianti idroelettrici, uno in prossimità della derivazione dal fiume Adda (Scaricatore di Mezzo), tre in corrispondenza dei salti idraulici originati dalle levate di Paullo, Bolenzana e Quartiano, e due sul canale scolmatore di Belgiardino.
Il canale, gestito dal Consorzio Bonifica Muzza – Bassa Lodigiana, si snoda lungo un tracciato complessivo di circa 39 chilometri interessando 15 comuni nelle Provincie di Milano e Lodi. In particolare la tratta della Muzza è caratterizzata da una migliore regolarità e continuità dei deflussi, nonché da una considerevole disponibilità idrica, con salti che variano da 3 a 4 m circa.
La nuova centrale “Scaricatore di Mezzo”, mirabile esempio di sfruttamento energetico ecocompatibile, produrrà 15 milioni di chilowattora di energia elettrica, che corrispondono al consumo di circa 5.000 famiglie.
L’impianto, che ha una potenza complessiva di 2.348 kVA, ha comportato un investimento complessivo di circa 5 milioni di euro e rappresenta una innovativa operazione di project financing sviluppata da Sorgent.e Management, società padovana nel settore delle energie rinnovabili che l’ha realizzata attraverso la società veicolo Quattordici SpA.
La nuova centrale rappresenta il risultato di una lunga e complessa progettazione curata dalla società Laut Engeenering Srl, mentre la costruzione ‘chiavi in mano’ dell’edificio – che si integra nell’ambiente in modo ottimale dal punto di vista architettonico – è stata realizzata da S.T.E. Energy, azienda italiana leader a livello internazionale nella costruzione di impianti.