• Articolo , 16 giugno 2009
  • Una provincia al sole

  • Energia dal sole per ridurre costi e inquinamento. Fino a una potenza distributiva di un milione di watt complessivi. Nell’ambito del progetto “Sostegno dell’efficienza energetica”, la Provincia di Bologna, con la collaborazione di ISEA (Istituto per lo Sviluppo Economico dell’Appennino) e grazie al cofinanzaimento della Fondazione Carisbo, promuove un bando “verde” per la riqualificazione energetica […]

Energia dal sole per ridurre costi e inquinamento. Fino a una potenza distributiva di un milione di watt complessivi. Nell’ambito del progetto “Sostegno dell’efficienza energetica”, la Provincia di Bologna, con la collaborazione di ISEA (Istituto per lo Sviluppo Economico dell’Appennino) e grazie al cofinanzaimento della Fondazione Carisbo, promuove un bando “verde” per la riqualificazione energetica del territorio con scadenza il 30 giugno.
L’obiettivo è quello di favorire la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile, in particolare attraverso l’installazione di impianti fotovoltaici su edifici (residenziali o sedi di piccole imprese) del territorio provinciale, preferibilmente montano. A tal fine, saranno concessi prestiti a tasso agevolato per installare un impianto fotovoltaico: non sono finanziabili interventi di importo inferiore a 7mila e superiore a 30mila euro.

La Provincia mette a disposizione uno specifico fondo con capitale iniziale di 95mila euro, mentre ISEA ne assumerà la gestione tecnica e finanziaria esaminando le richieste di ammissione, gestendo i prestiti (della durata massima di sette anni), erogando i contributi e amministrando un fondo rotativo costituito dai versamenti delle imprese aderenti e finalizzato a dare continuità all’iniziativa.

Per garantire ai richiedenti le migliori condizioni per poter usufruire dell’opportunità, la Provincia intende formare un elenco di imprese produttrici/venditrici/installatrici di impianti fotovoltaici. Le imprese dovranno essere dotate di requisiti strutturali, soggettivi, di sicurezza e di qualità degli impianti che si andranno ad installare.

Le domande vanno inviate entro il 30 giugno al Servizio “Archivio e Protocollo Generale” della Provincia di Bologna, via Zamboni 13-40125 Bologna.