• Articolo , 17 gennaio 2011
  • USA, -65% di emissioni al 2050 se i trasporti optassero per i biofuel

  • Secondo quanto riportato da uno studio condotto in Virginia il settore trasporti statunitense diminuendo il consumo di carburanti tradizionali a vantaggio di un mix più green potrebbe ottenere una riduzione degli inquinanti del 65% entro il 2050

(Rinnovabili.it) – Il Pew Center on Global Climate Change di Arlington ha pubblicato un nuovo rapporto nel quale annuncia ampi margini di riduzione delle emissioni provenienti dal settore trasporti statunitense. Secondo quanto riportato nella relazione “Reducing Greenhouse Gas Emissions from US Transportation”:http://www.pewclimate.org/docUploads/Reducing_GHG_from_transportation.pdf, il calo degli inquinanti potrebbe arrivare a toccare un -65% entro il 2050. Per ottenere i risultati sperati e previsti l’impegno di enti ed istituzioni, sommato all’interesse concreto dei cittadini, si dovrebbe concentrare in particolar modo sul fronte tecnologico, canale principale per ottenere una consistente riduzione degli inquinanti.
Gli autori del documento, David L. Greene dell’Howard H. Baker Center e Steven E. Plotkin dell’Argonne National Laboratory hanno identificato tre possibili scenari di miglioramento per quanto concerne l’efficienza nel settore trasporti che potrebbero portare un miglioramento che oscilla tra il 17 e il 65%. Politiche mirate, come ad esempio la redazione di standard di prestazioni e meccanismi stabiliti per la determinazione dei prezzi sul mercato nazionale ma anche politiche a sostegno degli sviluppi futuri in vista di una riduzione sostanziale dell’utilizzo di carburanti fossili e della sostituzione di questi ultimi con alternative green.
Il futuro della mobilità, stando a quanto riportato nella relazione, potrà essere migliorato sfruttando a pieno le tecnologie già esistenti in vista di una futura riduzione delle emissioni di CO2 procedendo verso un mix di carburanti che tenga conto di tutte le alternative possibili valutando la possibilità di realizzare un nuovo insieme di carburanti che contenga lo sfruttamento di energia elettrica, biocarburanti ed idrogeno.
In evidenza, all’interno del documento, le emissioni prodotte dai camion adibiti al trasporto merci che potrebbero essere ridotte, secondo le stime pubblicate dai ricercatori, di una percentuale compresa tra il 30 e il 50%.