• Articolo , 29 febbraio 2008
  • Usa e Cina per parlare d’energie alternative a Gig Harbor

  • I due più grandi paesi energivori ed inquinanti si incontreranno domenica 2 marzo per parlare di una possibile cooperazione in materia di energia e di tecnologie verdi

E’ un dato di fatto: Gli Stati Uniti e la Cina sono i due più grandi consumatori di energia e produttori di emissioni di gas effetto serra di tutto il pianeta. Insieme, consumano un terzo del petrolio e più della metà del carbone mondiale. Per impegnarsi a trovare una soluzione congiunta e discutere di questioni energetiche e ambientali faccia a faccia, questo fine settimana le due potenze mondiali si incontreranno a Gig Harbour. Il dialogo, previsto per domenica e lunedì, potrebbe portare a colloqui più impegnati e forse ad un piano di 10 anni per lavorare insieme, ha fatto sapere la senatrice Maria Cantwell. Ha confermato anche il forte interesse da parte della nazione cinese alle energie alternative e alle tecnologie per l’efficienza energetica statunitensi. Da parte americana, saranno presenti i rappresentanti dei dipartimenti di Stato, del Tesoro, del commercio e dell’energia, come pure l’Agenzia di protezione ambientale. La Cina sarà rappresentata da membri del National Development and Reform Commission, descritta come una delle più potenti agenzie cinesi. “Siamo entrambi nella stessa barca. Tante questioni con i cinesi rimangono controverse – dalla valuta, ai diritti umani – ma in questo condividiamo lo stesso terreno e gli stessi interessi”.