• Articolo , 6 ottobre 2010
  • Usa e Europa insieme per arrestare il global warming

  • 2000 città, 100 regioni e 25 capitali, questi i numeri del Patto dei Sindaci comunicati in occasione della firma del Memorandum d’Intesa per la lotta al cambiamento climatico siglato tra Usa e Europa

(Rinnovabili.it) – Gli Stati Uniti e l’Europa firmano per combattere il cambiamento climatico allineandosi su un altro fronte. La battaglia stavolta si svolgerà anche grazie alla partecipazione dei sindaci d’oltreoceano, pronti a cooperare sottoscrivendo un Memorandum d’Intesa per mano della Presidente del Comitato delle Regioni (CdR) Mercedes Bresso e della Presidente della Conferenza dei sindaci degli Stati Uniti Elizabeth B. Kautz. La cerimonia si è svolta alla presenza del Commissario europeo dell’Azione per il Clima Connie Hedegaard che ha commentato: “Parallelamente ai negoziati internazionali sul clima, l’UE deve far avanzare il processo teso a rendere l’economia europea più rispettosa del clima. L’Europa deve mantenere anche in futuro la sua posizione di leader delle tecnologie a basse emissioni di carbonio nel quadro di un’agguerrita concorrenza mondiale. In questo modo sarà possibile stimolare una crescita ‘verde’, salvaguardare i posti di lavoro e rafforzare la nostra sicurezza energetica. Perciò la Commissione ha fatto della ‘decarbonizzazione’ dell’economia dell’UE uno dei pilastri della strategia Europa 2020”.
Quindi nuove misure locali statunitensi per arrestare l’innalzamento della temperatura globale andando a migliorare l’efficienza energetica degli edifici, promuovendo la diffusione della generazione di energia da fonte rinnovabile, stimolando la mobilità sostenibile e modificando pian piano il comportamento dei cittadini verso uno stile di vita che sia maggiormente eco-compatibile, come ribadito dal Presidente della Conferenza dei sindaci USA: “Il forte impegno dei sindaci americani per la protezione del clima ha contribuito a porre la questione dei cambiamenti climatici all’ordine del giorno sul piano nazionale. I sindaci degli USA stanno sviluppando e attuando piani di sostenibilità e strategie globali di difesa dell’ambiente. La nostra associazione è quindi molto lieta di firmare questo Memorandum d’intesa con il Comitato delle regioni dell’Unione europea, con il sostegno della Commissione europea, in modo da approfondire le strette e solide relazioni che abbiamo saputo instaurare”.
La giornata ha segnato altri importanti traguardi che hanno visto il raggiungimento, grazie alla spagnola Murcia, della quota 100 per quanto riguarda le regioni aderenti al patto dei Sindaci. Con Berlino invece arriva a 25 il numero delle capitali che hanno sottoscritto l’impegno e grazie alla rumena Sutu Mare sono ben 2000 le città virtuose, numeri a cui Mercedes Bresso a voluto dare risalto affermando: “I leader nazionali hanno delle responsabilità nei confronti del pianeta: a Cancún sarà loro dovere firmare un accordo internazionale vincolante sulla riduzione delle emissioni di gas a effetto serra. Sottoscrivendo questo Memorandum e collegando le azioni intraprese dalle rispettive basi, i leader locali e regionali delle due sponde dell’Atlantico sottolineano la necessità urgente di giungere ad un accordo. Insieme proporremo un nuovo modello per finanziare i progetti locali al di fuori del sistema di scambio delle quote di emissione”.