• Articolo , 16 dicembre 2010
  • Usa, il Senato approva il Renewable Energy Tax Incentives

  • Il prolungamento degli 858 miliardi di dollari di incentivi destinati alle rinnovabili e alle industrie produttrici di etanolo ottiene il via libera al Senato. Sarà del Parlamento e poi del Presidente Obama la decisione finale

Il Senato americano approva il Renewable Energy Tax Incentives garantendo, qualora la normativa ricevesse il via libera in parlamento e poi dal presidente Obama, l’estensione dei sussidi economici alla generazione di energia da fonte rinnovabile come alle industrie per la produzione di bioetanolo. La somma stanziata equivale a 858 miliardi di dollari grazie ai quali eolico, fotovoltaico, solare e le altre fonti alternative potranno beneficiare di sovvenzioni federali che garantiranno lo sviluppo e la gestione di nuovi impianti con un prezzo di imposta pari al 30% del valore del progetto.
Il programma, stabilito nel 2009 all’interno del pacchetto di stimolo per il risollevamento del mercato statunitense delle rinnovabili, cercherà quindi di rimettere in moto un settore che sembra aver particolarmente risentito della crisi economica globale e in cui gli investimenti procedono a rilento. Grazie al sostegno economico approvato dal Senato dovrebbe essere quindi scongiurato l’annunciato pericolo di licenziamenti a carico del comparto energetico green viste le garanzie di un ritorno economico in caso di realizzazione e messa in attività di nuove centrali low carbon.
“L’estensione del regime di sostegno al fotovoltaico permetterà all’industria di rimanere uno dei settori in più rapida crescita negli Stati Uniti, meritevoli di aver creato migliaia di posti di lavoro su tutto il territorio” ha commentato dopo l’approvazione il portavoce della Solar Energy Industries Association ribadendo la necessità che anche il Parlamento proceda tempestivamente all’approvazione della manovra per poi inviarla, in ultima istanza, al presidente Obama, cui spetta l’ultima parola “Decine di migliaia di posti di lavoro dipendono da questa decisione” ha sottolineato.
Alle industrie di bioetanolo andrà una sovvenzione economica nell’ordine dei 45 centesimi di dollaro per gallone prodotto e miscelato. La decisione non è passata inosservata, suscitando il malcontento di chi vede nell’aiuto un incentivo in più al settore che già gode di ulteriori agevolazioni dallo Stato “L’industria dell’etanolo gode già di tre diversi tipi di agevolazioni” ha affermato il senatore Sen. Dianne Feinstein accanto a gruppi ambientalisti e rappresentati di gruppi dell’industria alimentare.