• Articolo , 8 febbraio 2011
  • USA: Interni e Energia collaborano per spingere avanti l’eolico off-shore

  • Il Segretario degli Interni Ken Salazar e quello dell’Energia Steven Chu hanno presentato la “National Offshore Wind Strateg”, per creare un’industria dell’eolico off-shore negli States

(Rinnovabili.it) – Nuova mossa pro rinnovabili negli States. Dopo l’annuncio dell’iniziativa “SunShot”, la fame di leadership energetica degli USA prende il largo e si concentra sul potenziale dell’eolico off-shore. Coordinando sforzi e fondi il Segretario degli Interni, Ken Salazar, e il Segretario dell’Energia, Steven Chu, hanno presentato un “nuovo piano strategico”:http://www1.eere.energy.gov/windandhydro/pdfs/national_offshore_wind_strategy.pdf con cui accelerare lo sviluppo dell’energia eolica a largo nelle coste americane. Oltre 50 milioni di dollari di finanziamenti per coprire e sostenere una serie di progetti in diverse _Wind Energy Areas_ ad alta priorità nell’Atlantico. Queste zone, spiega il segretario Salazar, “sono una parte fondamentale del nostro programma “Smart from the Start”:http://www.doi.gov/news/pressreleases/loader.cfm?csModule=security/getfile&pageid=186636, per accelerare uno sviluppo adeguato su scala commerciale dell’energia eolica nelle acque americane. Attraverso il lavoro del Piano Strategico, stiamo sincronizzando le nuove iniziative di ricerca e sviluppo con una programmazione più efficiente e all’avanguardia in modo da poter aiutare rapidamente l’industria nazionale di settore a mettersi in piedi”.
La strategia si concentra sul superamento tre sfide principali: il costo relativamente ancora elevato dell’energia eolica offshore, le questioni tecniche che circondano l’installazione, le operazioni, e l’interconnessione alla rete nonché la mancanza di dati e di esperienze pregresse. Le sollecitazioni rilasciate in questo senso dal DOE si rivolgono ad ambiti precisi:
*Sviluppo tecnologico* – fino a 25 milioni per 5 anni per sostenere lo sviluppo di strumenti di progettazione innovativi, compresi strumenti di calcolo open-source e studi sui concept.
*Rimozione delle barriere di mercato* – fino a 18 milioni dollari in 3 anni per sostenere gli studi di base e la ricerca ambientale mirata a caratterizzare i settori chiave dell’industria e dei fattori che limitano la diffusione dell’energia eolica offshore.
*Drivetrain di ultima generazione* – fino a 7,5 milioni dollari in 3 anni.
Sulla base dei soggetti interessati e la partecipazione del pubblico, Bureau of Ocean Energy Management, Regulation and Enforcement degli Interni preparerà le valutazioni di impatto ambientale regionale per le Wind Energy Areas. In tal senso sono state individuate quattro delle aeree energetiche che serviranno a raggiungere l’ambizioso obiettivo americano di 10 GW entro il 2020: Delaware, Maryland, New Jersey e Virginia.