• Articolo , 1 ottobre 2009
  • Usa: Obama favorevole al nuovo ddl anti-emissioni

  • Il presidente americano Barak Obama ha accolto con positività la presentazione del nuovo decreto che avvicinerà gli Usa all’autonomia energetica

(Rinnovabili.it) – Il presidente degli Stati Uniti, Barak Obama, ha accolto con favore la pubblicazione di un disegno di legge che mira a combattere il cambiamento climatico.
“Con il disegno di legge che annunciamo oggi, siamo un passo avanti verso il controllo del nostro futuro energetico e verso l’autonomia energetica dell’America”, ha dichiarato il presidente.
Il ddl, analogo ad una norma approvata dalla Camera dei Rappresentanti all’inizio dell’anno, dovrebbe fissare un tetto per la riduzione delle emissioni di gas serra.
L’intento è di ottenere, che arrivi in Congresso prima della conferenza di Copenhagen, ma dalle indiscrezioni già si capisce che il disegno dovrà subire un iter problematico prima della approvazione definitiva, visto l’opposizione dei repubblicani e anche di una parte dei democratici.
A quanto detto dai senatori democratici John Kerry e Barbara Boxer, il tasso di riduzione dovrebbe essere fissato al 20% entro il 2020 facendo riferimento ai dati del 2005.
Per le industrie dovrebbero essere determinati dei limiti di emissioni a seconda della grandezza degli impianti e, nel caso producessero meno emissioni di quelle concesse, saranno premiate con delle autorizzazioni rivendibili sul mercato.
In questo modo il tetto delle emissioni dovrebbe essere drasticamente ridotto.
Le critiche sono divise su due piani opposti: alcuni pensano che la misura possa creare ulteriori costi per le industrie che poi graverebbero sull’economia, mentre altri credono che questa sarà la possibilità di creare nuovi posti di lavoro nel settore delle energie rinnovabili, contribuendo a scongiurare la crisi climatica (ma anche quella economica) che minaccia il globo.