• Articolo , 29 luglio 2010
  • Vacanze da sogno nel villaggio bioclimatico di Tenerife

  • Sull’isola di Tenerife sta per essere inaugurato un villaggio vacanze bioclimatico con 25 appartamenti che, oltre a ospitare i turisti, saranno piccoli laboratori di rilevazione dell’efficienza energetica di ogni edificio

(Rinnovabili.it) – Spiagge bianchissime, mare trasparente ma soprattutto un intero villaggio bioclimatico a disposizione. L’isola di Tenerife è pronta a offrire a turisti e a qualche fortunato residente 25 alloggi bioclimatici. A realizzare questo “progetto”:http://www.iter.es/pdf/noticias/Dossier_25VV_BB_ITER_Feb2010_def_peq.pdf che, a detta dei promotori, sarebbe il primo villaggio vacanze bioclimatico di questo genere al mondo, è stato l’ITER – _Instituto Tecnológico y de Energías Renovables_ – che, su un’area di sua proprietà ha progettato e ha fatto realizzare questi alloggi per le vacanze. Case che sono state costruite ognuna in uno stile differente e che rappresentano un vero e proprio esperimento di sostenibilità. Le abitazioni che stanno per essere completate sono consultabili anche attraverso una “mappa interattiva”:http://www.iter.es/mapa_interactivo/mapa_interactivo.html messa a disposizione sul sito dell’Istituto.
Le case saranno completamente autosufficienti dal punto di vista energetico e sono state realizzate con il duplice scopo di essere non solo delle raffinate case per le vacanze ma anche dei micro laboratori scientifici, con sensori che rilevano e trasmettono costantemente informazioni su temperatura, umidità e flusso dell’aria. Dati che poi vengono analizzati dai ricercatori dell’ITER per verificare quale di queste abitazioni si rivela essere la più efficiente dal punto di vista energetico. Un progetto, quello del villaggio bioclimatico, che è stato realizzato dopo che il presidente della regione Ricardo Melchior Navarro aveva chiesto una maggiore tutela delle risorse naturali presenti nell’isola.
Dopo quindici anni di lavori e un costo totale pari a 10 milioni di euro, si prevede che le case verranno consegnate entro questo inverno. Ogni abitazione è stata disegnata da architetti provenienti da tutto il mondo e il bando per partecipare alla progettazione di questi edifici ha ricevuto circa 400 richieste di ammissione (da 38 paesi diversi) 25 delle quali sono state scelte e poi realizzate. Ogni casa è stata studiata per sfruttare una particolare posizione, un determinato spessore dei muri, ma anche l’orientamento verso il sole, i pannelli solari, piante, acqua e vento per il controllo della temperatura e per rispondere in completa autosufficienza ai propri bisogni di energia elettrica. Il villaggio è stato realizzato per ospitare macchine elettriche e bici. I prezzi però non sono decisamente a portata di tutte le tasche: per una notte in una casa con tre stanze da letto si possono spendere da 220 ai 280 euro.