• Articolo , 9 giugno 2010
  • Vendola nominato coordinatore della Piattaforma cambiamenti climatici

  • Il presidente della regione Puglia Nichi Vendola è stato nominato a Bruxelles, nel corso della seduta plenaria del Comitato delle Regioni, coordinatore della Piattaforma di cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile. “Sarà questa una buona occasione – ha commentato Vendola nel suo nuovo ruolo di coordinatore politico della Piattaforma – per costruire insieme azioni concrete in […]

Il presidente della regione Puglia Nichi Vendola è stato nominato a Bruxelles, nel corso della seduta plenaria del Comitato delle Regioni, coordinatore della Piattaforma di cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile. “Sarà questa una buona occasione – ha commentato Vendola nel suo nuovo ruolo di coordinatore politico della Piattaforma – per costruire insieme azioni concrete in chiave europea per il contrasto ai rischi dei cambiamenti climatici. Tanti e troppi perché la nostra attenzione non si soffermi”. Tra i cambiamenti climatici “sotto stretta osservazione”, quelli legati alla desertificazione della sponda euro mediterranea. “La Puglia – ha voluto ricordare il presidente – è una potenziale vittima della desertificazione, un processo questo che produrrebbe devastanti danni all’agricoltura e all’ambiente. Di fonte a questo scenario, non possiamo restare in silenzio, occorre lavorare e impegnarsi”.
La Piattaforma di cambiamenti climatici e sviluppo sostenibile è una novità del 2010, una sorta di centro di raccolta dati, provenienti da tutte le regioni europee, in materia di contrasto al riscaldamento globale. Tutte le misure adottate a livello territoriale dovranno confluire in questa Piattaforma, perché poi il coordinatore possa farne una sintesi politica. I risultati del lavoro della Piattaforma potranno costituire una fonte importante di idee per gli enti regionali e locali impegnati ad affrontare le questioni dell’energia e dello sviluppo sostenibile. Un incarico inedito, ottima occasione per la Puglia per far conoscere, in ambito europeo, le proprie best practices in tema di efficienza energetica, energie da fonti rinnovabili e impegno sui temi ambientali. (sna)