• Articolo , 19 aprile 2007
  • Venezuela – Italia: insieme per le rinnovabili

  • La proposta italiana prevede la realizzazione di un impianto per la fabbricazione di pannelli solari e di concentratori solari e per la produzione di biocombustibili da rifiuti. A fine mese verranno forniti ulteriori dettagli del progetto, che includerà anche il trasferimento di tecnologia

L’Italia sbarca in Venezuela. Nella capitale venezuelana, infatti, è avvenuto un incontro tra il vicepresidente Jorge Rodriguez, una delegazione composta da imprenditori italiani, i responsabili governativi venezuelani, e gli ambasciatori del Venezuela a Roma, Rafael Lavaca, e d’Italia a Caracas, Gerardo Carante. L’obiettivo è la valutazione di un progetto “made in Italy” per la produzione di energia da fonte solare e da biocombustibili. In particolare, esso prevede la realizzazione di un impianto di laminati di alluminio per l’elaborazione di pannelli solari, la fabbricazione di concentratori di energia solare e la produzione di biocombustibili a partire dai rifiuti.
Per Argis Moreno, coordinatore per gli Affari internazionali della Vicepresidenza, ‘la proposta ha due punti importanti per il settore della produzione di energia: uno riguarda la captazione solare e la trasformazione attraverso pannelli in energia fotovoltaica, e l’altra attraverso lo sfruttamento di bio-combustibili che non influiscano direttamente sul mercato alimentare’. Secondo l’ambasciatore Carante, invece, il progetto, che prevede anche il trasferimento di tecnologia, permetterà al Venezuela di ‘diventare concretamente un produttore di materiale per l’energia fotovoltaica’. (fonte Ansa)